Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Inn Vet Med 3(1) | maggio 2003

Invecchiamento cerebrale nel cane e nel gatto

Contenuti
Ipotesi e modelli diagnostici delle alterazioni comportamentali cognitive ed emozionali del cane e del gatto.
Basi neurofisiologiche dei disturbi comportamentali: neuroanatomia funzionale, principali sistemi neurotrasmettitoriali, neurofisiopatologia dell’aggressività, dei disturbi fobico-ansiosi e dei disturbi compulsivi. L’approccio farmacologico ai disturbi comportamentali: ansiolitici, neurolettici, antidepressivi triciclici, inibitori delle mono-aminoossidasi, inibitori selettivi della ricaptazione di serotonina.
Disturbi cognitivi e comportamentali correlati all’invecchiamento cerebrale patologico del cane e del gatto: cenni clinici ed epidemiologici; le alterazioni neurodegenerative, strutturali, cerebrovascolari e neurotrasmettitoriali; il ruolo dei radicali liberi e dell’insufficienza cardiovascolare.
Diagnosi e trattamento della “sindrome della disfunzione cognitiva” (CDS): terapia nutrizionale, farmaci attivi sulla neurotrasmissione, antiossidanti, farmaci ad attività vasotonica cerebrale.
Farmacologia della fosfatidilserina nell’invecchiamento cerebrale: attività strutturali (es. ripristino della fluidità della membrana neuronale), metaboliche (es. aumento disponibilità cerebrale di glucosio), neurotrasmettitoriali (es. stimolazione sintesi e rilascio di acetilcolina), neurotrofiche (es. stimolazione sintesi e rilascio di NGF). Biodisponibilità, farmacocinetica e sicurezza d’impiego della molecola.  

Autori     
Paola Badino, Luciana Bergamasco, Gary Landsberg, Maria Cristina Osella, Giovanni Re.