Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

A Rimini la SISVET fa il punto sull’artrosi

Nel Grand Hotel di felliniana memoria si sono svolti i lavori del 55° Convegno Nazionale della SISVET (Società Italiana delle Scienze Veterinarie).
110 e lode al workshop dedicato alle artropatie infiammatorie e degenerative.

A Rimini la SISVET fa il punto sull’artrosi

È la prima volta che la SISVET organizza, nell’ambito del proprio meeting annuale, workshop specialistici su argomenti pratico-applicativi. Tra questi, quello sulle artropatie infiammatorie e degenerative – in collaborazione con SICV (Società Italiana di Chirurgia Veterinaria) e SIDI (Società Italiana di Ippologia) -, ha ricevuto particolari consensi, sia come affluenza di partecipanti che come interesse per gli interventi dei diversi relatori.
Al Prof. Carlo Maria Mortellaro – Ordinario di Clinica Chirurgica dell’Università di Milano e Presidente del Comitato Scientifico di IOVA – il non facile compito di delineare la fisiopatologia di un’articolazione affetta da artrosi, con particolare riguardo alle modifiche – degenerative ed infiammatorie – a carico di cartilagine, osso subcondrale e membrana sinoviale. Avvalendosi di innovative animazioni digitali, il relatore, con l’aiuto di Alda Miolo del CeDIS Innovet, ha guidato i presenti in una sorta di documentario subacqueo all’interno dell’articolazione artrosica.
Ne è derivata un’attenta analisi dei meccanismi sottostanti l’artrosi dalla quale il Prof. Giovanni Re – farmacologo dell’Università di Torino – ha preso ampio spunto per introdurre i cardini della terapia farmacologica, oggi basata non solo sul controllo del dolore e dell’infiammazione (FANS, glucocorticoidi), ma anche sulla possibilità di intervenire nella sequenza causale della malattia con i “disease modifying agents”. Tra questi, Re ha preso in considerazione soprattutto i “condroprotettori nutraceutici”, come condroitin solfato (frazione compresa tra 5.000 e 20.000 D) e glucosamina, nonché molecole antiossidanti, come vitamina C, vitamina E, flavonoidi (quercetina e rutina) ed acido DL-a-lipoico.
Il Dr Filippo Maria Martini – ricercatore presso l’Università di Parma – ha poi delineato in maniera molto precisa e dettagliata la tecnica ed il significato dell’artroscopia della spalla e del gomito nel cane.
In chiusura di lavori, al Prof. Aurelio Muttini – docente di Clinica Chirurgica presso l’Università di Teramo –, il compito di illustrare le tecniche ed i campi di utilizzo dell’artroscopia nel cavallo.
In ultima analisi, un workshop di alto livello scientifico e di indubbia utilità pratica, per affrontare, armati di nuove conoscenze, le artropatie degenerative e infiammatorie, malattie in preoccupante aumento, oggi considerate tra le più invalidanti della Medicina Veterinaria.

© 2001 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy