Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Artrosi: ogni cosa al suo posto

Nel programma scientifico del 44° Congresso Nazionale SCIVAC (Milano, Fiera Congressi, 16-19 maggio 2002) è stato incluso un originale appuntamento scientifico: la tavola rotonda "Ogni cosa al suo posto", interamente dedicata all'artrosi del cane ed alla sua complessa programmazione terapeutica.

Artrosi: ogni cosa al suo posto

Lo scorso 17 maggio, coordinati da Carlo Maria Mortellaro – Ordinario di Clinica Chirurgica all’Università di Milano e Presidente del Comitato Scientifico IOVA (Innovet Osteoarthritis Veterinary Association) – tre importanti esperti hanno messo a confronto diretto le loro specifiche competenze nel settore dell’artrosi. Ad aprire la tavola rotonda, è stato il chirurgo della Texas A&M University Don Hulse. Dopo aver individuato il gomito quale distretto articolare più suscettibile a contrarre DOD (malattie ortopediche dello sviluppo, Development Orthopaedic Disease) ad evoluzione artrosica, lo studioso americano si è concentrato sui possibili benefici derivanti dalla chirurgia. Certo, misura indispensabile per ripristinare i corretti rapporti anatomici di un’articolazione, ma meno efficace nel limitare la progressione artrosica, soprattutto se considerata come unica opzione terapeutica. “In base alla Sua esperienza, può elencarci i trattamenti medici attualmente disponibili per l’artrosi?”. Questa la domanda apparentemente semplice che Mortellaro ha rivolto poi a David Bennett (Università di Glasgow), che ha risposto con un lungo e dettagliato elenco di misure conservative: dagli approcci non farmacologici – basati sul controllo dell’alimentazione e dell’attività fisica e sulle tecniche di fisioterapia riabilitativa – alla composita farmacologia, di prima e seconda scelta, dell’artrosi. In quest’ultima, Bennett ha incluso una nutrita serie di molecole (FANS, corticosteroidi, condroprotettori, antiosssidanti, etc.) che, se sapientemente combinate in rapporto alle caratteristiche del soggetto e della gravità del quadro clinico, “possono non solo contrastare i sintomi delle recidive e delle fasi acute, ma agire anche contemporaneamente sui meccanismi “di fondo” della malattia.” Il profilo farmacologico di queste molecole è stato, infine, tracciato da Paola Badino (Università di Torino) che si è soffermata, in particolare, sul meccanismo d’azione dei FANS e dei condroprotettori.
Insomma, non c’è dubbio: anche da questa tavola rotonda è chiaramente emerso che la via più efficace per combattere l’artrosi è quella “terapia di combinazione”, basata, cioè, sull’utilizzo di più interventi, chirurgici e conservativi, combinati in modo tale da adattarsi al singolo paziente ed alle caratteristiche cliniche della “sua” artrosi.

© 2002 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy