Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Chirurgia e artrosi

Nel corso dell'undicesimo meeting annuale dell'ECVS (European College of Veterinary Surgeons) (Vienna, 5-7 luglio 2002), Ortopedici di fama mondiale tentano di dare risposta ad una domanda ancora irrisolta: la chirurgia blocca o favorisce l'artrosi? Riassumiamo il parere di due eminenti specialisti.

Chirurgia e artrosi

“Complicanze in Chirurgia ortopedica”: questo il titolo del seminario specialistico, svoltosi nell’ambito dell’annuale meeting di aggiornamento dell’ECVS, che ha visto in successione le relazioni di due famosi Ortopedici – Henry van Bree dell’Università di Gent (Belgio) e David Bennett dell’University Veterinary School di Glasgow (Scozia) – sul complicato binomio artrosi-chirurgia.(1,2)
“Se – come sottolinea Van Bree all’inizio del suo intervento – l’obiettivo di qualsiasi trattamento chirurgico è quello di ripristinare la massima funzionalità nel minor tempo possibile e con il disagio minimo per il paziente, allora nel caso dell’artrosi o DJD (degenerative joint disease) bisogna già tener conto di un parziale insuccesso, dal momento che è pressoché costante assistere alla comparsa di degenerazione articolare di vario grado nel periodo post-operatorio.” Parecchie le cause individuate da van Bree di questa evoluzione quasi obbligata della Chirurgia verso l’artrosi: dall’instabilità conseguente alla rimozione di frammenti o alla rottura di legamenti in corso di artrotomia, a ragioni squisitamente biochimiche, come l’alterato profilo di mediatori catabolici (citochine ad esempio) che possono accompagnare eventi dichiaratamente meccanici, come le rotture legamentose.
David Bennett, a sua volta, si è servito dei più significativi studi clinici pubblicati in letteratura per affermare: “Nessun trattamento chirurgico può prevenire lo sviluppo dell’artrosi, anche se può contribuire a ridurne gravità o velocità di progressione.”
“Se c’è una possibilità di evitare l’artrosi – conclude Bennett – questa deve in ogni caso contemplare tre modalità di approccio tra loro combinate: quella genetica, per individuare i soggetti a rischio e controllarne la riproduzione; quella chirurgica, per contrastare le cause sottostanti l’artrosi ed, infine, quella medica, basata su terapie volte a prevenire o rallentare l’evoluzione artrosica.”
1. Van Bree H, Van Rijssen B, Gielen I, 2002, Progression of DJD after arthroscopic treatment of OCD, a surgical complication? Proceedings 11th Annual Scientific Meeting ECVS, Vienna, July 5-7, pp.295-297
2. Bennett D, 2002, Is osteoarthritis avoidable? Proceedings 11th Annual Scientific Meeting ECVS, Vienna, July 5-7, pp.298-302.

© 2002 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy