Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

I Nobel 2002 in Fisiologia e Medicina

Il 7 ottobre 2002, Sidney Brenner, Robert Horvitz e John Sulston hanno vinto il Premio Nobel dell'anno 2002 per la Fisiologia e la Medicina per le loro scoperte relative alla regolazione genetica dello sviluppo degli organi ed alla morte cellulare programmata. Enormi le ricadute, non solo nel settore della ricerca biomedica, ma anche per la maggior comprensione della patogenesi di numerose malattie.

I Nobel 2002 in Fisiologia e Medicina

Due inglesi ed un americano hanno meritato quest’anno il massimo riconoscimento scientifico per i loro studi sui complessi meccanismi di differenziazione e morte delle linee cellulari di un organismo. Porta, in particolare, il nome di Sidney Brenner, nato a Berkeley nel 1927, l’identificazione di un nematode multicellulare – il Caenorhabditis elegans – come modello sperimentale ideale per analizzare l’avvicendarsi dei cicli di divisione, differenziazione e morte cellulare a partire dall’uovo fecondato fino ad arrivare ad organismo adulto. Nel 1986, Brenner, coadiuvato da John Sulston dell’Università di Cambridge, era già arrivato a definire la mappa genetica completa del sistema nervoso di questo nematode trasparente, arrivando successivamente alla scoperta che determinate cellule andavano incontro a morte cellulare programmata (anche detta apoptosi), una volta giunte a specifici stadi di sviluppo. Sulla scia delle scoperte di Brenner e Sulston, Robert Horvitz del MIT (Massachusetts Institute of Technology) arrivò infine all’identificazione delle sequenze geniche chiave (i cosiddetti “geni della morte”) che controllavano il processo di morte cellulare programmata. Molteplici le ricadute in campo biomedico: dalla possibile identificazione dei geni che, anche nella specie umana, governano l’apoptosi cellulare, alla comprensione dei meccanismi di cui virus e batteri si servono per invadere il nostro organismo, alla genesi di quelle malattie come l’AIDS, le malattie neurodegenerative, autoimmuni o i tumori, alla base delle quali vi è un alterato equilibrio tra morte e sopravvivenza dei diversi stipiti cellulari.

© 2002 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy