Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Più semplice entrare nella spalla

Una tecnica artroscopica modificata per la diagnosi e la cura di numerose artropatie della spalla del cane viene proposta, attraverso le pagine di un'importante rivista internazionale, da noti artroscopisti italiani delle Università di Parma e Bologna.

Più semplice entrare nella spalla

“Abbiamo cercato di mettere a punto un metodo più semplice di esecuzione di artroscopia della spalla per consentire un accesso completo a tutti i comparti – craniale, intermedio e caudale – dell’articolazione scapolo-omerale e ridurre l’invasività e la morbilità associate alla procedura artroscopica.” Questi gli scopi individuati da alcuni ricercatori dell’Università di Parma (Martini e Del Bue) e di Bologna (Pinna) che, nel numero di gennaio 2002 del Journal of Small Animal Practice, pubblicano i dettagli di questa tecnica modificata, già applicata a 33 “spalle” di cani con diagnosi di osteocondrite dissecante (OCD) o malattie teno-legamentose. “La modifica fondamentale – scrivono gli Autori – consiste nel numero di portali artroscopici eseguiti per accedere all’articolazione: due invece di tre. Uno, quello craniale, sfrutta il punto d’inserzione dell’ago-cannula per l’artrocentesi. L’altro, invece, viene creato caudalmente al legamento collaterale laterale, ma in posizione più distale rispetto alle tecniche precedenti, in modo da consentire una completa libertà di movimento ed evitare pericolose interferenze tra artroscopio e strumentario.” A detta dei ricercatori, l’aver eliminato uno dei due portali in posizione caudale consente non solo di ottenere un’ottima triangolazione durante la palpazione, ma anche di eseguire le necessarie manovre chirurgiche con maggior facilità e precisione. Infine, il fatto che i due portali siano completamente intercambiabili rende ancora più agevole la chirurgia artroscopica in entrambi i comparti, craniale e caudale, della spalla.
Foto: Rottura parziale dell’inserzione prossimale del tendine del bicipite
(Filippo Maria Martini, Università di Parma)
Martini FM, Pinna S, Del Bue M, 2002, A simplified technique for diagnostic and surgical arthroscopy of the shoulder joint in the dog, 43(1): 7-11

© 2002 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy