Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Artropatie: un nuovo marker

Con l'obiettivo di trovare gli indicatori metabolici più precoci di artrosi e di artrite, il gruppo di Biologia Molecolare della "Free University" di Berlino ha analizzato i livelli di una specifica proteasi - la stromelisina o MMP3 - nel sangue e nel liquido sinoviale di 103 cani affetti da diverse artropatie degenerative ed infiammatorie. Il risultato è davvero significativo: la stromelisina indica infiammazione, non degenerazione!

Artropatie: un nuovo marker

“La diagnosi precoce di artrosi costituisce da sempre un grave problema in Medicina sia umana che veterinaria, dal momento che solitamente ci si basa su criteri clinici e radiografici, capaci, però, di evidenziare la malattia solo in fase tardiva.” Si basa su questa premessa lo studio di un gruppo di ricercatori della “Free University” di Berlino che ha rilevato i livelli di quattro markers biochimici (epitopo 5D4 del cheratan solfato, epitopo 3B3 del condroitin solfato, stromelisina o MMP-3 e corrispondente inibitore TIMP-1) nel siero e nel liquido sinoviale di 103 cani, di cui 7 affetti da poliartrite infettiva ed i restanti 96 con diagnosi di artrosi secondaria a: rottura del legamento crociato anteriore (ACLR), frammentazione del processo coronoideo (FCP), osteocondrite dissecante (OCD), lussazione della rotula (PL) e displasia dell’anca (HD).
Dal confronto con 26 soggetti di controllo non affetti da patologie muscolo-scheletriche, è emerso un risultato assolutamente inaspettato: il liquido sinoviale dei soggetti con artrite infiammatoria contiene una quantità di stromelisina [NdR: proteasi ad attività litica] 27 volte maggiore rispetto a quella del liquido sinoviale prelevato dalle articolazioni artrosiche.
“Si tratta – scrivono i ricercatori nell’articolo pubblicato su Osteoarthritis & Cartilage, rivista ufficiale dell’OARSI (Osteoarthritis Research Society International) – della prima indagine che ha permesso di caratterizzare i livelli di stromelisina e del suo naturale inibitore – il TIMP (tissue inhibitor of metalloprotease) – nell’artrosi non sperimentale del cane e nelle artropatie di natura infettiva.” “Si concretizza l’ipotesi – continuano i ricercatori – che questa proteasi possa rappresentare un marker attendibile di flogosi locale e che, pertanto, la degenerazione della matrice cartilaginea sia mediata da altre proteasi di recente identificazione, come, ad esempio, le aggrecanasi.” Insomma, pare proprio che il confine tra degenerazione ed infiammazione diventi, almeno a livello articolare, sempre più labile.
Hegemann N, Kohn B, Brunnberg L, Schmidt MF, 2002, Biomarkers of joint tissue metabolism in canine osteoarthritic and arthritic joint disorders, Osteoarthritis & Cartilage, 10: 714-721

© 2003 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy