Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Artrosi: non solo cartilagine

L’osso subcondrale e, soprattutto, i prodotti molecolari derivanti dal suo metabolismo (citochine pro-infiammatorie e fattori di crescita) giocano un ruolo patogenetico di assoluto primo piano nell’artrosi. A supportare tale affermazione, le ricerche del gruppo di Jean Pierre Pelletier, uno dei più importanti studiosi di Biologia Molecolare applicata alla Reumatologia e Direttore dell’”Unité de recherche en Arthrose” del Policlinico Universitario di Montreal (Canada).

Artrosi: non solo cartilagine

Fino ad ora relegato al posto di “spettatore innocente e passivo”, oggi l’osso subcondrale viene completamente rivisitato dai Reumatologi canadesi come “attore principale” nell’ambito dei complessi circuiti molecolari di danno che si attivano e si autoamplificano in corso di artrosi. “Le evidenze più recenti – scrive il gruppo di Pelletier nell’articolo pubblicato sulla rivista Modern Rheumatology – indicano chiaramente che l’osso subcondrale ha un ruolo chiave non solo nella progressione, ma anche nell’iniziazione dell’involuzione degenerativa articolare.”La domanda sorge spontanea: in che modo? “È certo – ribadisce Pelletier – che dall’osso subcondrale si libera un gran numero di mediatori pro-infiammatori, come citochine (es. IL-1, IL-6) e fattori di crescita (es. IGF, TGF).” Insinuandosi in canali e spaccature – che assai precocemente compromettono la continuità della sottile linea di demarcazione (tidemark) esistente tra osso e cartilagine – tali mediatori migrano dal comparto subcondrale al soprastante ambiente cartilagineo, accelerandone la degenerazione, per potenziamento delle reazioni a valenza catabolica ed inibizione di quelle a carattere sintetico-riparativo.L’evidenza è sicuramente importante. Unita alle precedenti – che avevano dimostrato il ruolo di un’aumentata densità e compattezza ossea (sclerosi) nella genesi delle lesioni cartilaginee – sembra decretare il definitivo tramonto del ruolo di “guest star” della cartilagine nella genesi dell’artrosi. A favore, peraltro, di una globalità di coinvolgimento di tutti i tessuti del microcomparto articolare e della conseguente necessità di spostare il target terapeutico dal semplice riequilibrio della condrodegenerazione ad un controllo di tutti i meccanismi “di fondo” implicati nel danno artrosico.

Lajeunesse D, Massicotte F, Pelletier JP, Martel-Pelletier J, 2003, Subchondral bone sclerosis in osteoarthritis : not just an innocent bystander, Modern Rheumatology, 13(1): 7-14

© 2003 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy