Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Insieme contro le malattie della bocca

Riviste di settore, ma anche giornali a tiratura nazionale come “la Repubblica”, ribadiscono con forza sempre maggiore la necessità di prestare attenzioni specifiche al cavo orale dei nostri animali. Obiettivo: preservare o recuperare il benessere di denti e gengive. Metodo: organizzare un rigoroso piano di prevenzione e cura, sempre in stretta collaborazione con il proprietario.

Insieme contro le malattie della bocca

Lo afferma “la Repubblica” dalle pagine del Supplemento Salute del 6 marzo 2003 e lo sottolinea con forza, sempre nel numero di marzo 2003, la rivista specializzata “Club del Veterinario”: il cavo orale di cani e gatti va periodicamente ispezionato e, quando necessario, opportunamente trattato, al fine di prevenirne e/o curarne le frequenti affezioni infiammatorie, ovvero correggerne anomalie e malposizioni ossee e dentarie. “L’ecologia della bocca – scrive su “Repubblica” Donatella Fozzari, medico veterinario di Firenze – risente per prima dei cambiamenti legati all’età o ad un’alimentazione non corretta. Ai due fattori si sovrappongono i traumi masticatori, l’azione infettiva dei batteri e la mancanza di igiene orale spesso trascurata dai proprietari che si accorgono dei danni quando ormai è troppo tardi.”“Gran parte della patologia dentale – continua la Fozzari – potrebbe essere evitata con un’azione preventiva, basata su un’alimentazione adeguata e, soprattutto, su controlli periodici di denti e gengive almeno una volta l’anno, due dopo i 6-7 anni di età.”Fondamentale, dunque, informare e sensibilizzare il proprietario sull’importanza di regolari cure odontoiatriche. “Sono ancora pochi – si legge nelle pagine del “Club del Veterinario”- i proprietari che ispezionano regolarmente la bocca del loro animale e sono ancora molti quelli che, per ignoranza, negligenza o paura del “ridicolo”, non portano cani e gatti dal dentista.”Che fare per migliorare questa situazione? “Il veterinario – continua l’editoriale del “Club” – potrebbe dedicare un periodo della propria attività ambulatoriale allo sviluppo del settore odontoiatrico, organizzando iniziative (es. serate di informazione, puppy party, etc.) mirate soprattutto a sensibilizzare il proprietario sull’importanza di una regolare “pulizia dei denti” , da iniziarsi con accurata detartrasi e lucidatura dei denti da parte del professionista e da proseguirsi a casa, con una scrupolosa e, pressoché, quotidiana igiene orale da parte del proprietario. Insomma, per il medico veterinario si delinea con forza un ruolo di vero e proprio “promotore” della salute dentale, da concretizzarsi soprattutto attraverso un’attenta e capillare “educazione alla prevenzione”.
Si può consultare l’articolo del “Club del Veterinario” nel sito http://www.pointvet.it/club/article.asp?id=2284&rm=1

© 2003 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy