Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Artrosi: reumatologi a confronto

Tra i “topics” del III congresso nazionale multidisciplinare di Reumatologia – organizzato da SIR (Società Italiana di Reumatologia) e SIMFER (Società Italiana di Medicina Fisica e Riabilitazione) a Mantova, dal 7 al 9 ottobre 2004 – figurano le artropatie degenerative. A parlare dei meccanismi dell’artrosi e dei più moderni orientamenti terapeutici, Mario Carrabba, Responsabile dell’ Unità Operativa di Reumatologia dell’Ospedale Luigi Sacco di Milano e noto studioso nel settore delle artropatie degenerative.

Artrosi: reumatologi a confronto

“L’artrosi può essere definita come una malattia cronica articolare in cui la persistenza di fattori che destabilizzano le strutture o la funzione dell’articolazione porta ad uno scompenso di quest’ultima, inizialmente reversibile e successivamente senza ritorno… Insomma, una via ultima comune percorsa dai diversi componenti dell’organo “articolazione”, a seguito dell’influenza negativa su loro esercitata da una variabile combinazione di cause.” C’è tutto nella definizione di artrosi con cui Mario Carrabba ha iniziato la sua relazione al III congresso nazionale di Reumatologia. Il coinvolgimento di tutte le componenti anatomiche, innanzitutto: dalla cartilagine, all’osso subcondrale, alla membrana sinoviale, a legamenti, muscoli e tendini, “che – ha affermato Carrabba – vengono in ugual misura interessate dal processo artrosico, anche se in momenti differenti.” E, poi, la multifattorialità di questa malattia, riconducibile, anche per il noto reumatologo, a due principali opzioni eziologiche: la presenza di difetti strutturali – genetici o acquisiti – che compromettono la risposta biomeccanica articolare, da una parte e l’eccessiva o protratta usura dell’articolazione, dall’altra. Carrabba si è, poi, addentrato nella complessità dei meccanismi patogenetici: dalla condrodegenerazione per morte programmata (apoptosi) dei condrociti; al ruolo essenziale dell’osso subcondrale “che, in corso di artrosi, è visibilmente interessato da alterazioni edematose, fibrotiche e/o necrotiche”; all’infiammazione, innescata e sostenuta da un cocktail di mediatori (es. citochine, NGF) non solo ad attività flogistica, ma anche degenerativa ed algica.Ed, infine, il trattamento. “L’approccio medico all’artrosi – ha detto Carrabba – è un approccio combinato, che include provvedimenti farmacologici e non …Tra i primi, importanti passi in avanti sono stati fatti nella campo della condroprotezione, con l’utilizzo, ormai su vasta scala, di sostanze come glucosamina e condroitin solfato…”. E le prospettive? Per Carrabba, sostanzialmente tre: migliorare le tecniche di “imaging” per diagnosticare sempre più precocemente l’artrosi; perfezionare le conoscenze sui meccanismi che la innescano e la sostengono; studiare sempre nuovi approcci “di fondo” che vadano, cioè, a “modificare ed influenzare l’andamento naturale della malattia.”

Carrabba M, Santalena G, Randisi G, Marrazza MG, 2004, Moderni orientamenti nella patogenesi e terapia dell’artrosi, Atti III congresso nazionale multidisciplinare di Reumatologia, Mantova, 7-9 ottobre, pp.90-97

© 2004 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy