Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Cute e stress uniti dal mastocita

Che i fattori psicologici – lo stress, in particolare – possano peggiorare malattie cutanee su base allergica come l’atopia, è cosa nota da tempo. Assai meno conosciuta la spiegazione di tale fenomeno, studiato, oggi, in dettaglio da un gruppo di biochimici e farmacologici della Tufts University di Boston e fatto emergere - dalle pagine della prestigiosa rivista “Trends in Pharmacologial Sciences” (TIPS) - nella sua essenzialità: l’intimo colloquio funzionale tra mastociti cutanei, nervi e cheratinociti.

Cute e stress uniti dal mastocita

“Skin brain”, ovverossia “cervello cutaneo” è la spiritosa locuzione coniata dal farmacologo Theoharis Theoharides, ad indicare le profonde diramazioni di origine nervosa che arrivano fino alla cute. E a fare da collettore di queste estreme propaggini neuronali è proprio il mastocita: “cellula – scrive Theoharides nel numero di novembre 2004 di TIPS – che non solo è anatomicamente contigua al groviglio di fibre sensoriali cutanee, ma ne è anche direttamente attivata, grazie alla quantità di neuropeptidi (es. sostanza P, NGF) che da queste si liberano e che su di essa convergono…”.
Ma c’è di più. “La cute – continua Theoharides – può considerarsi una componente primaria di quell’asse ipotalamo-ipofisario che regola le risposte neuro-endocrine dell’organismo. E questo, ancora una volta grazie al mastocita, capace di essere direttamente attivato da un fattore – il corticotropin-releasing factor (CRF) – rilasciato, oltre che a livello ipofisario, anche dalle terminazioni nervose sensoriali.”
In pratica, il meccanismo descritto dal gruppo di Theoharides segue questo schematismo: evento stressogeno – liberazione di CRF- attivazione dei mastociti – iperdegranulazione – esacerbazione infiammazione cutanea. E i cheratinociti? Theoharides li affianca ai mastociti nel ruolo di esasperazione dello stress a livello cutaneo. “I cheratinociti – spiega – sono le prime cellule ad essere esposte ad insulti di vario genere…Lo stesso CRF è in grado di attivare i cheratinociti che, a loro volta, attraverso specifiche citochine, influenzano i vicini mastociti, ne avviano la degranulazione e, per giunta, ne potenziano la reattività a stimoli squisitamente nervosi, CRF in primis.”
Un ruolo, dunque, di veri e propri “sensori dello stress” per i mastociti cutanei, nei confronti dei quali pare sempre più carica di potenzialità positive l’adozione di misure atte a calibrarne la delicata funzionalità.
Articolo disponibile su richiesta a cedis@innovet.it

Theoharides TC, Donelan JM, Papadopoulou N, Cao J, Kempuraj D, Conti P, 2004, Mast cells as targets of corticotropin-releasing factor and related peptides, Trends in Pharmacological Sciences, 25(11): 563-568

© 2004 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy