Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Artrosi nel gatto, senza dubbio!

Il dubbio non c’è più: l’artrosi è, anche nel gatto, un problema di notevole rilevanza clinica e, in quanto tale, necessita di accuratezza diagnostica e terapeutica. A ribadirlo a gran voce è l’ortopedico scozzese Stuart Carmichael che, in occasione della TNAVC (The North American Veterinary Conference) 2005 (Orlando, Florida, 8-12 gennaio), ne ha sottolineato l’elevata prevalenza nella specie felina, la difficoltà a riconoscerla precocemente e la necessità di attuare una “terapia di combinazione”, attenta non solo al controllo iniziale del dolore cronico, ma anche a mantenere nel tempo tale effetto e a limitare al massimo l’evoluzione della malattia.

Artrosi nel gatto, senza dubbio!

“Allo stato attuale, l’artrosi del gatto, specie se anziano, è un problema di notevole rilevanza clinica…Molti studi ne hanno, infatti, fatto emergere i dati di prevalenza che, in particolar modo nella popolazione superiore ai 12 anni, può raggiungere valori intorno al 30%, con interessamento preferenziale della colonna vertebrale e di articolazioni come spalla e gomito.” Così si legge nell’abstract di Stuart Carmichael pubblicato nei Proceedings della TNAVC 2005. “Il problema – continua l’ortopedico di Glasgow – è la difficoltà di riconoscere clinicamente la degenerazione articolare, stante la capacità del gatto di mascherare il dolore o, alternativamente, di manifestarlo solo con subdole alterazioni comportamentali.”
Carmichael sottolinea che un indubbio aiuto diagnostico viene dall’indagine radiografica in cui “particolare attenzione deve essere prestata alle alterazioni a carico dell’osso subcondrale e dei tessuti molli articolari.”
La terapia. L’Ortopedico individua due stadi ben precisi nel management dell’artrosi del gatto. Il primo si basa sull’utilizzo di analgesici che, avverte Carmichael, “vanno usati con cautela, per brevi periodi (7 giorni) ed alla dose minima efficace”. Lo “stadio 2” è, invece, un “programma di mantenimento, impostato con il fine di limitare le conseguenze della malattia e minimizzare i disagi, anche nel lungo termine”. In questo stadio, agli analgesici vengono combinati i nutraceutici (glucosamina, ad esempio) che, visto il loro meccanismo d’azione, hanno tutte le potenzialità per garantire il recupero strutturale dell’articolazione lesa ed il controllo a lungo termine del sintomo “dolore”.

Abstract congressuale disponibile su richiesta a cedis@innovet.it

Carmichael S, 2005, Arthritis in cats: diagosis, relevance and treatment, Proceedings The North American Veterinary Conference (TNAVC), January, 8-12, Orlando (Florida), pp.701-704

© 2005 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy