Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Chimasi mastocitaria: aumento in corso di atopia

La chimasi, uno dei più noti mediatori immagazzinati nei granuli intracitoplasmatici dei mastociti, aumenta significativamente nella cute atopica rispetto a quella sana o affetta da dermatopatie non allergiche, come la psoriasi. È la prestigiosa rivista “Archives of Dermatological Research” a darne notizia e a sottolineare la stretta correlazione tra l’aumento di questa enzima litico e le caratteristiche fondamentali dell’atopia: persistente stato infiammatorio e difettosa funzionalità della barriera cutanea.

Chimasi mastocitaria: aumento in corso di atopia

Le ricerche sono di un gruppo di dermatologi del Policlinico Universitario di Berna (Svizzera) che hanno condotto i loro studi su biopsie di pazienti affetti da dermatite atopica cronica e le hanno poi confrontate con quelle di soggetti sani o portatori di psoriasi.
“Si sa – scrivono i ricercatori nell’articolo pubblicato nel fascicolo di aprile 2005 dell’”Archives of Dermatological Research” – che la chimasi è una proteasi rilasciata prevalentemente dai mastociti e capace, interagendo con altri mediatori (es. citochine, neuropeptidi, metalloproteasi), di intervenire nei meccanismi infiammatori e litici tissutali…È per questo che ci siamo prefissi di valutarne contenuto e funzionalità analizzando le biopsie cutanee di soggetti atopici e confrontandole con quelle ottenute da pazienti sani e psoriasici.”
Il risultato è chiaro. “È solo nella cute atopica che abbiamo trovato un significativo aumento della chimasi, a significare che questo enzima litico è direttamente coinvolto nella cronicizzazione del processo infiammatorio che accompagna lo stato atopico…E non solo. L’aumentato potenziale litico derivante dalle grandi quantità di chimasi rilasciate dai mastociti sembra esser la spiegazione più plausibile anche dei difetti di barriera che compaiono accanto all’infiammazione e che, agevolando la penetrazione di allergeni e microbi, concorrono alla scatenamento di sovrainfezioni, nonché al peggioramento dei segni conclamati (es. eczema) della dermatite atopica.”
Sul piano applicativo, in queste condizioni risulta più che mai evidente il beneficio che può derivare dall’utilizzo di molecole (es. le aliamidi) che, down-modulando l’eccessiva degranulazione dei mastociti cutanei, riducono, in corso di atopia, il rilascio di mediatori direttamente implicati nella flogosi e nella destrutturazione della barriera cutanea, chimasi compresa.

Articolo disponibile su richiesta a cedis@innovet.it

Badertscher K, Bronnimann M, Karlen S, Roger L, Yawalkar N, 2005, Mast cell chymase is increased in chronic atopic dermatitis but not in psoriasis, Archives of Dermatological Research, 296(10): 503-506

© 2005 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy