Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Più cani e gatti che bambini

Quattordici milioni e mezzo di cani e gatti contro 8 milioni e 700mila bambini e adolescenti compresi in una fascia d'età che va dai neonati ai 14 anni. Questo il dato ISTAT che il quotidiano “La Repubblica” ha diffuso mercoledì 22 dicembre 2004. E le cause di questo “sorpasso”? Dalla necessità di integrare la mancanza di relazioni sociali con forme di affiliazione più economiche e più compatibili con il pochissimo tempo da dedicare al privato; allo sforzo di rientrare in contatto con una “metafora della natura” – gli animali domestici, appunto - che sta scomparendo intorno a noi.

Più cani e gatti che bambini

Il dato Istat la dice lunga sulla passione degli Italiani per gli animali domestici. “Le famiglie – si legge nell’articolo di Riccardo Staglianò – sono destinate ad avere una fisionomia ibrida, umano-animale, in base ad una tendenza che accomuna tutti i paesi industrializzati e che, in futuro, è destinata ad acuirsi maggiormente.”
E le cause di questa tendenza? A questo proposito, i pareri di psicologi, sociologi ed etologi si sprecano.
“E’ la voglia di tenerezza e di attaccamento che gli animali in parte surrogano, in parte integrano – afferma la sociologa Chiara Saraceno -. Sono meno esigenti dei figli, chiedono meno reciprocità e finiscono per essere un investimento affettivo meno costoso.”
“È questione di tempi diversi – ribadisce la psicologa Silvia Vegetti Finzi – Il “tempo sociale” domina ormai il “tempo della vita”, che è quello invece tipico dei bambini. E questo tempo consente solo forme di affiliazione compatibili con il pochissimo tempo da dedicare al privato.”
“Cani e gatti – commenta l’etologo Giorgio Celli – non sono solo creature su cui riversare i nostri affetti, ma anche una metafora della natura che sta scomparendo intorno a noi e con cui cerchiamo disperatamente di rientrare in contatto.”
Importante anche la spesa che gli italiani sostengono per i propri animali: ben 4751 milioni di euro nel 2003, con al primo posto i costi per le cure veterinarie.
Tutti concordi, comunque, nel mettere in guardia da perverse antropomorfizzazioni.
“È ridicola la cuccia firmata – afferma la sessuologa Alessandra Graziottin dalle pagine di un quotidiano locale del Veneto – che soddisfa solo la vanità dei padroni. Importante è il rispetto, la maggior sensibilità per i bisogni e le emozioni degli animali con cui conviviamo… Senza contare che è stupendo far crescere insieme il cucciolo d’uomo e quello di animale, perché possano apprendere l’uno dall’altro la grande arte del vivere insieme.”

http://www.repubblica.it/2004/l/sezioni/cronaca/canigatti/canigatti/canigatti.html

© 2005 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy