Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

L’Alzheimer del gatto

Sempre meno sono i dubbi sul fatto che i nostri gatti possano essere colpiti, in età avanzata, da una neurodegenerazione simile a quella che caratterizza il morbo di Alzheimer nell’uomo. A dare enfasi alla notizia è “The Veterinary Record” che, nel fascicolo del 16 dicembre 2006, riporta l’attenzione sulle ricerche che, di recente, hanno evidenziato depositi di amiloide e proteina tau nel cervello di gatti anziani con disfunzioni neurologiche.

L’Alzheimer del gatto

“Una malattia simile all’Alzheimer nei gatti anziani”. Così “The Veterinary Record” – una delle più autorevoli riviste veterinarie, nonché organo ufficiale della “British Veterinary Association” (BVA) – intitola la news sulle alterazioni cerebrali cui il gatto può andare incontro in tarda età.
“L’aspettativa di vita – vi si legge – dei gatti domestici è aumentata e, insieme ad essa, anche la percentuale di felini che sviluppano segni di senilità. Adesso sappiamo che le modifiche cerebrali cui può andare incontro il gatto corrispondono a quelle che si riscontrano nell’uomo affetto da morbo di Alzheimer.”
Affermazione forte, importante cui la rivista dà credibilità e fondatezza riportando i risultati ottenuti dai ricercatori dell’”Hospital for Small Animals” dell’Università di Edinburgo sull’analisi post-mortem del cervello di 19 gatti di età superiore ai 14 anni e con segni clinici di disfunzioni neurologiche. “L’immunoistochimica – si legge nella news – ha rivelato la presenza di alterazioni strutturali neurodegenerative pressochè sovrapponibili all’Alzheimer umano: depositi diffusi di proteina b-amiloide e del suo precursore (APP, amyloid precursor protein), proteina tau iper-fosforilata.”
“Le ricerche pubblicate su “Journal of Feline Medicine and Surgery” – si legge in conclusione di notizia – sono ulteriori conferme delle profonde similitudini che legano l’invecchiamento cerebrale del gatto a quello dell’uomo.” Similitudini, dunque, che transitano attraverso il comune meccanismo della neurodegenerazione senile: quel variegato complesso di alterazioni cerebrali, strutturali in primis, cui va incontro il cervello sia dell’uomo che dei suoi più prossimi parenti: il gatto ed il cane.

News & Reports, 2006, “Alzheimer’s like” disease in ageing cats, Veterinary Record, 159: 828

Gunn-Moore DA, McVee J, Bradshaw JM, Perason GR, Head E, Gunn-Moore FJ, 2006, Ageing changes in cat brains demonstrated by beta-amyloid and AT8-immunoreactive phosphorylated tau deposits, Journal of Feline Medicine and Surgery, 8(4): 234-242

© 2006 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy