Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Mastociti tra cute e cervello

Una ricerca congiunta tra Dermatologi tedeschi e Farmacologi della Tufts University di Boston ribadisce la stretta connessione neuro-immuno-endocrina esistente tra cute e cervello e dimostra come, al centro dei delicati meccanimi adattativi che l’organismo mette in atto a fini omeostatici, ci sia proprio il “mastocita cutaneo”, definito dai ricercatori vera e propria “sentinella dello stress”.

Mastociti tra cute e cervello

È “Trends in Immunology” a pubblicare la review di Ralf Paus, Theoharis Theoharides e Petra Arck sulle risposte adattative della cute allo stress e sulle patologie che possono derivare da un mancato adattamento omeostatico tra questi due organi.
Gli Autori iniziano parlando di “allostasi”: termine complesso per definire quella condizione di “stabilità dinamica” che gli organi, in questo caso la cute, mettono in atto per rispondere a stress di varia natura. “Tra i principali sensori del cambiamento – continuano i ricercatori – figurano i mastociti, oggi considerati cellule di prima linea non solo nelle risposte immunitarie naturali ed acquisite, ma anche come microsistemi naturali di regolazione e di integrazione dei segnali provenienti dai tre super-apparati del nostro organismo: quello nervoso, quello immunitario e quello endocrino.”
I ricercatori individuano, dunque, un vero e proprio “asse dello stress” che, se da una parte contempla il bombardamento di stimoli della più svariata natura che dal centro convergono alla periferia, dall’altra trova una cellula – il mastocita – pronto ad essere direttamente attivato dagli stimoli stressogeni e ad avviare la propria funzionalità, proporzionalmente alla qualità ed alla quantità di questi stimoli.
Ed è questo ruolo di veri e propri “sensori dello stress”, ormai definitivamente ascritto ai mastociti cutanei, che rende sempre più logico mettere in atto quelle potenziali opzioni volte a calibrarne la delicata funzionalità, con l’obiettivo di controllare tutte quelle malattie (es. dermatite atopica) e tutti quei sintomi (es. prurito), che possono aggravarsi proprio per un mancato controllo dello stress.

Paus R, Theoharides TC, Arck PC, 2006, Neuroimmunoendocrine circuitry of the “brain-skin connection”, Trends In Immunology, in press

© 2006 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy