Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

RM per il cervello del cane anziano

Si chiama “morfometria voxel-based” la particolare tecnica di risonanza magnetica (RM) che, già ampiamente utilizzata nel cervello umano interessato da malattie neurodegenerative, viene ora applicata per la prima volta alla massa cerebrale del cano anziano. Obiettivo? Valutare nel dettaglio le alterazioni strutturali che accompagnano, tanto nell’uomo quanto nel cane, l’invecchiamento del cervello: dall’atrofia dei lobi frontali, alla riduzione di sostanza grigia e sostanza bianca a carico di diverse aree dell’encefalo.

RM per il cervello del cane anziano

La descrizione di questa RM “di ultima generazione” applicata al cane anziano viene da un noto gruppo di ricercatori canadesi ed americani, da tempo impegnati nello studio delle modifiche neurodegenerative che caratterizzano il cervello dell’animale che invecchia. Per dirla molto semplicemente, quella che gli studiosi hanno applicato a 62 cani Beagle, di età compresa tra 6 mesi e 15 anni, è una RM di tipo volumetrico, già ampiamente utilizzata in Neurologia umana per ottenere informazioni non solo sul volume cerebrale totale, ma, contemporaneamente, sul grado di atrofia che, con l’andare dell’età, coinvolge specifiche regione anatomiche del cervello.
“L’invecchiamento – scrivono i ricercatori nell’articolo pubblicato a gennaio 2006 sulla rivista “Neuroimage”- si accompagna ad una moderata diminuzione del volume cerebrale globale. Marcata è, invece, l’atrofia della corteccia che compare in molte aree del cervello del cane anziano: dai lobi parietali e frontali, al talamo, al cervelletto, al tronco cerebrale.”
Alterazioni età-correlate sono state evidenziate anche a carico della sostanza bianca, l’insieme, cioè, delle fibre nervose mielinizzate che connettono i neuroni tra loro. “Sono i cani maschi anziani – spiega il gruppo di Norton Milgram ed Elizabeth Head – a manifestare l’atrofia più marcata a carico di questa struttura cerebrale, in particolare nelle regioni relative alla capsula interna ed ai fasci di nervi cranici.”
“Nel complesso – viene sottolineato nella discussione dei risultati – questa particolare tecnica RM ha consentito di dettagliare le modifiche di struttura cui il cervello del cane va incontro con l’invecchiamento. E sono alterazioni sia globali (una generalizzata diminuzione di volume cerebrale), sia specifiche di certe regioni (i lobi frontali, ad esempio), quest’ultime sicuramente alla base di quelle disfunzioni comportamentali e cognitive di frequente riscontro nei cani anziani.”

Tapp PD, Head K, Head E, Milgram NW, Muggenburg BA, Su MY, 2006, Application of an automated voxel-based morphometry technique to assess regional gray and white matter brain atrophy in a canine model of aging, NeuroImage, 29: 234-244

© 2006 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy