Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Senilife? Funziona!

Il supplemento di Dicembre 2005 di “Veterinaria” pubblica i risultati del primo studio clinico multicentrico, condotto da una vera e propria “task force” di comportamentalisti italiani, sugli effetti di Senilife® sui segni clinici di invecchiamento cerebrale patologico nel cane. I positivi risultati ottenuti danno chiare indicazioni dell’utile impiego di questo nutraceutico ad effetto neuroprotettivo nel management dei disordini cognitivo-comportamentali del cane anziano.

Senilife? Funziona!

Raimondo Colangeli, Monica Antoni, Franco Fassola, Sabrina Giussani, Lorella Notari, Maria Cristina Osella, Gaspare Petrantoni, Elena Severi e Corrado Sgarbi. Sono questi i nove comportamentalisti che hanno condotto lo studio clinico multicentrico in aperto sul Senilife®. L’obiettivo? Valutare gli effetti e la tollerabilità del nutraceutico neuroprotettivo, somministrato per 90 giorni (2 cps/die/10 Kg p.c.) a 45 cani di età superiore ai 7 anni, esenti da malattie organiche e portatori di segni clinici di invecchiamento cerebrale ascritti alle seguenti cinque categorie comportamentali: interazioni sociali, disorientamento, ciclo sonno/veglia, abitudini eliminatorie, attività generale.
“Tutti i cani inclusi nello studio – si legge nell’articolo – manifestavano, minimo da un mese, la presenza congiunta di almeno un sintomo nella categoria “alterate interazioni socio-ambientali” ed almeno un sintomo in una delle altre 4 categorie comportamentali inserite in un apposito questionario, dove ogni categoria veniva descritta da un numero di segni compreso tra 4 e 13…Alla visita iniziale, a ciascun segno veniva attribuito un punteggio di frequenza ed ogni segno che risultava alterato veniva rivalutato dopo i 90 giorni di trattamento e classificato, in base all’evoluzione, in termini di: migliorato, invariato o peggiorato.”
E i risultati? “Dopo 90 giorni di terapia – scrivono i comportamentalisti – il 66% dei trentadue pazienti che avevano completato lo studio rientrava nel gruppo dei “rispondenti”, dei soggetti, cioè, che avevano presentato più del 50% dei loro segni comportamentali migliorati…In quanto alla valutazione specifica dei segni, i miglioramenti maggiori si manifestavano in quelli appartenenti alle categorie disorientamento e attività generale (65%), seguiti da quelli delle categorie ciclo sonno/veglia (63%), abitudini eliminatorie (44%) e interazioni sociali (42%).” Assai interessante anche la diversa evoluzione dei segni clinici a seconda dell’età degli animali. “I pazienti di età minore o uguale a 10 anni rispondevano al trattamento in maniera più sensibile (miglioramento del 72%)…Nei pazienti con più di 10 anni, invece, i segni migliorati corrispondevano al 44%.”
Si tratta di risultati importanti che non solo comprovano le attività neuroprotettive di fosfatidilserina e Ginkgo biloba contenute nel nutraceutico in studio ma che, soprattutto, ne avvalorano l’efficacia nel rallentare la progressione dei segni cognitivi e comportamentali correlati all’età e, dunque, nel migliorare il quadro clinico-comportamentale dei pazienti geriatrici.

Colangeli R, Antoni M, Cena F, Fassola F, Furlanello T, Giussani S, Notari L, Osella MC, Petrantoni G, Severi E, Sgarbi C, 2005, Valutazione dell’effetto e della tollerabilità di un nutraceutico neuroprotettivo contenente fosfatidilserina e Ginkgo biloba sui segni clinici di invecchiamento cerebrale nel cane: studio pilota multicentrico, Veterinaria, 19(4, Suppl. Dicembre): 13-18

© 2006 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy