Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Aliamidi proteggono i cheratinociti

Al recente congresso ICPLA (“International Conference on Phospholipase A2 and Lipid Mediators”, Sorrento, 9-12 maggio 2007), i ricercatori dell’”Endocannabinoid Research Group” del CNR di Pozzuoli hanno dimostrato il coinvolgimento diretto dell'aliamide Palmitoiletanolamide (PEA) o Palmidrol nella dermatite allergica da contatto ed il suo ruolo protettivo nei confronti dei cheratinociti cutanei.

Aliamidi proteggono i cheratinociti

Le ricerche sono state condotte sia in vivo che in vitro. “In un modello sperimentale di dermatite allergica – si legge nei Proceedings congressuali – indotta nel padiglione auricolare di topo dal contatto con un noto agente sensibilizzante, abbiamo riscontrato elevati livelli di PEA…nonché un’aumentata espressione dei recettori periferici dei cannabinoidi (CB2) a livello di cheratinociti.” A riprova che l’aliamide, ed il sistema recettoriale di cui si serve, vengono prodotti “al bisogno”: vale a dire, in situazioni di danno/infiammazione, a fini protettivi e di recupero omeostatico.
E i risultati in vitro hanno ulteriormente avvalorato questo ruolo protettivo della PEA. “Usando colture di cheratinociti umani – spiegano nell’abstract congressuale i ricercatori – abbiamo dimostrato che la PEA impedisce in maniera dose-dipendente la morte delle cellule indotta dalla sostanza P, un neuropeptide pro-infiammatorio rilasciato da mastociti e terminazioni nervose.” “Dati – concludono – che indicano come la PEA svolga, a livello dei cheratinociti, un ruolo protettivo endogeno, per contrastare l’infiammazione indotta dalla dermatite allergica da contatto.”
Più in generale, si tratta di nuove ed ulteriori conferme che le aliamidi, assieme ad endovanilloidi ed endocannabinoidi, sono molecole primariamente coinvolte nei sistemi di protezione endogena dell’organismo. In quanto tali, trovano utile impiego come approccio di modulazione biologica alla flogosi e al prurito che caratterizza le dermatopatie su base allergico/ipersensibile, sia nel cane che nel gatto.

Petrosino S, Karsak M, Starowicz K, Cristino L, Gaffal E, Tutting T, Saturnino C, Bisogno T, Zimmer A, Di Marzo V. Palmitoykethanolamide, keratinocytes and contact allergic dermatitis. Proceedings 3rd International Symposium on “Phospholipase A2 and Lipid Mediators”, Sorrento, 9-12 May 2007

© 2007 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy