Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

La cura della stomatite cronica felina

Al 55° congresso nazionale SCIVAC (Milano, 2-4 marzo 2007), Dea Bonello ha tenuto una “invited lecture” sulla stomatite cronica felina, illustrando i “pro” e i “contro” dei numerosi trattamenti finora utilizzati ed aprendo interessanti prospettive per approcci diversi e potenzialmente risolutivi.

La cura della stomatite cronica felina

“La stomatite cronica del gatto è un problema clinico tanto serio, quanto frustrante, per l’inefficacia delle misure mediche finora utilizzate nel controllare il decorso della malattia e la gravità dei sintomi.” Lo scenario illustrato in apertura di relazione da Dea Bonello – vice-presidente SCIVAC e past-president del College europeo di Odontostomatologia Veterinaria (EVDC, European Veterinary Dental College) – è stato questo: una malattia – la stomatite – annoverata tra i “challenge” (sfide) clinico-terapeutici dell’Odontostomatologia felina e, a tutt’oggi, ancora priva di una terapia risolutiva.
Bonello ha preso in considerazione i vari trattamenti riportati in letteratura: dagli antibiotici, utili a controllare la carica batterica, ma con effetti transitori e a breve termine; ai cortisonici, efficaci solo nelle fasi iniziali dell’infiammazione, ma gravati da numerosi e pesanti effetti collaterali; agli immunomodulatori, anch’essi accompagnati da un corredo di reazioni avverse e dubbi sulla loro biodisponibilità; ad una miscellanea di sostanze “non supportate da un razionale di utilizzo basato su dati oggettivi e condivisibili”. “L’estrazione completa di quasi tutti i denti – ha proseguito la relatrice – rimane ancora l’unica opzione realmente risolutiva, in quanto porta alla remissione della sintomatologia e, spesso, anche alla guarigione completa della malattia…I limiti dell’intervento estrattivo stanno nella stretta dipendenza del risultato dall’esperienza dell’operatore e nella scarsa compliance del proprietario, che ritiene l’estrazione estremamente invasiva e mutilante per il gatto.”
Bonello ha parlato anche di trattamenti locali, alludendo a gel odontostomatologici ad attività amtimicrobica e disinfettante, ma anche all’utilizzo topico di aliamidi (Adelmidrol) che hanno già ottenuto buoni risultati nel trattamento della gengivite del cane, in associazione ai classici interventi ablativi (detartrasi).

Bonello D, 2007, La stomatite cronica del gatto: indicazioni per trattamenti diversi, Atti 55° congresso nazionale SCIVAC “Medicina felina. Le nuove acquisizioni nella clinica pratica”, Milano, 2-4 marzo

© 2007 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy