Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Management delle ferite: resoconto da Berlino

Si è svolto il 15 novembre 2007 a Berlino la decima conferenza annuale della VWHA (Veterinary Wound Healing Association), l’associazione europea che, dal 1996, si occupa attivamente di promuovere la ricerca e migliorare le conoscenze nel campo delle ferite di pertinenza veterinaria.

Management delle ferite: resoconto da Berlino

Il management innovativo delle ferite. Questo era il “topic” della conferenza, intorno al quale si sono confrontati i più rinomati studiosi di “wound healing”. La prima sessione del meeting era incentrata sul cavallo, con le relazioni di Christine Theoret e Jacintha Wilmink (Quebec, Canada) sulla riparazione in medicina equina e sul controllo della formazione di tessuto di granulazione in esubero nel cavallo.
Riguardo al piccolo animale, Steven Swaim (Alabama, USA) si è soffermato sul management delle ferite “dure a guarire”. “Anche in questo campo – ha affermato – il panorama è decisamente mutato. Prendiamo i dressing, ad esempio. Oggi abbiamo a disposizione delle medicazioni – gli idrogel – che, proprio per la capacità di preservare idratazione, umidità e giusta ossigenazione della zona lesa, sono utili non solo per ferite fresche, ma anche per quelle già in fase di granulazione o con sovrainfezioni in atto da controllare adeguatamente.”
È stata poi la volta di Michael Pavletic (Massachusetts, USA) e Mark Bohling (Alabama, USA) che hanno parlato rispettivamente di innesti cutanee in ferite problematiche e delle differenze cicatriziali tra cane e gatto. “È bene tener presente – ha detto Bohling – che nel gatto la riparazione cutanea procede assai più lentamente che nel cane. Le ferite chiuse per prima intenzione sono più deboli e quelle per seconda intenzione si formano tardivamente, per minor efficienza delle fasi di contrazione e riepitelizzazione.”
Una conferenza, in ultima analisi, assai interessante che fa capire come l’era della “ferita che si cura da sé” sia definitivamente tramontata, per lasciare il posto ad un fervore di studi incentrato sui metodi più innovativi per ottenere cicatrizzazioni rapide, funzionalmente valide ed esteticamente accettabili.

Il programma del congresso è disponibile nel sito della VWHA http://www.vwha.net/news/nov15programme.html

© 2007 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy