Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Neurodegenerazione senile: se ne parla alla MVC

È imminente la “Michigan Veterinary Conference” (MVC), che si svolgerà a Lansing (Michigan) dal 26 al 28 gennaio 2007. Relatore principale della sessione “Comportamento”: Gary Landsberg, che parlerà di “senior pets”. Cani e gatti che, in tarda età, possono andare incontro a disfunzioni cognitive, emozionali e comportamentali su base neurodegenerativa, per le quali il comportamentalista canadese indica le linee guida di un adeguato trattamento di combinazione: modifiche ambientali e dietetiche, terapie farmacologiche e nutraceutici neuroprotettori, tra cui figura in primo piano Senilife®.

Neurodegenerazione senile: se ne parla alla MVC

La MVC è una delle più importanti occasioni di “continuing education”, che la “Michigan Veterinary Medical Association” organizza ogni anno, in collaborazione con la “Michigan State University”, per i professionisti d’oltreoceano. Quella che si svolgerà tra qualche giorno dedica un’intera sessione al comportamento degli animali da compagnia, riservando una particolare attenzione alle problematiche, cognitive e comportamentali, di cani e gatti anziani. Unico relatore, il comportamentalista canadese Gary Landsberg, impegnato con due interventi sui “senior pets”: l’uno riguardante i segni clinici comportamentali legati all’invecchiamento dell’animale, e l’altro dedicato alla diagnosi ed alla terapia della CDS (Cognitive Dysfunction Syndrome): quel “disordine neurodegenerativo – si legge nei “Proceedings” di MVC 2007 disponibili on line ( http://www.michvma.org/index.cfm?id=264 ) – che affligge cani e gatti in tarda età e che, accanto al graduale declino delle capacità cognitive e mnemoniche, annovera tutta una serie di alterazioni cerebrali, in parte condivisibili con le neurodegenerazioni senili dell’uomo: accumulo di proteina beta-amiloide, stress ossidativo, insufficienza vascolare, deficit neurotrasmettitoriali.”
Il comportamentalista canadese si concentra, poi, sulle linee guida di trattamento. “Sebbene le modifiche comportamentali ed ambientali siano necessarie, il declino cognitivo dei pet anziani va contrastato o, ancor meglio, prevenuto con una combinazione di approcci di natura farmacologica, dietetica e nutraceutica.” “Oggi – si legge ancora nei “Proceedings” – abbiamo a disposizione numerose sostanze che, in opportuna e sinergica combinazione, hanno le potenzialià per rallentare la progressione o migliorare i segni clinici di invecchiamento cerebrale…Senilife®, ad esempio, la cui efficacia neuroprotettiva è già stata comprovata in trial clinici e sperimentali, grazie ai suoi peculiari “ingredienti”: fosfatidilserina, un naturale costituente delle membrane neuronali, essenziale per ripristinare e/o mantenere tutti quei processi di trasduzione dei segnali nervosi che possono essere compromessi dall’invecchiamento cerebrale…e Ginkgo biloba, la cui efficacia neuroprotettiva dipende dalle sue proprietà antiossidanti e vasoregolatrici, oltre che da una sinergia d’azione con la PS.”

Landsberg G, 2007, Senior pets: the importance of behavior signs in diagnosis and treatment, Proceedings Michigan Veterinary Conference, 26-28 january, Lansing (Michigan)
Landsberg G, 2007, Senior pets: cognitive dysfunction and brain aging: diagnosis and treatment options, Proceedings Michigan Veterinary Conference, 26-28 january, Lansing (Michigan)

© 2007 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy