Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Artrosi del gatto a Parma

Artrosi del gatto dalla A alla Z all’incontro SITOV di domenica 18 maggio 2008 a Parma. A descriverne fattezze cliniche, radiografiche e terapeutiche il noto ortopedico di Glasgow David Bennett.

Artrosi del gatto a Parma

È a David Bennett che si devono gli studi più importanti in tema di artrosi del gatto: da quelli strettamente epidemiologici, radiografici o, più specificatamente, incentrati sulla caratterizzazione clinica di questa insidiosa ed ancora poco conosciuta artropatia della specie felina.
A Parma, Bennett ha iniziato parlando di prevalenza radiografica dell’artrosi del gatto, definita dallo stesso ortopedico come “una malattia specificatamente a carico delle diartrosi e caratterizzata da perdita della cartilagine articolare, formazione di osteofiti, rimodellamento dell’osso ed infiammazione di lieve entità.” I tipici segni radiografici di artrosi – sclerosi subcondrale, osteofitosi e mineralizzazione dei tessuti molli – si riscontrano prevalentemente a carico del gomito, mentre l’anca è la seconda articolazione coinvolta nel processo artrosico.
Circa l’eziologia, gli studi effettuati non lasciano dubbi: a parte una percentuale esigua di artrite post-traumatica o secondaria a malattie ortopediche primarie – displasia dell’anca, in primis – nel gatto l’artrosi è fondamentalmente primaria o idiopatica. Non esiste cioè un nesso causale con fattori ben precisi, se non quello legato all’invecchiamento dell’animale. Bennett ha, infatti, più volte ribadito che è il gatto anziano il soggetto preferenzialmente colpito da artrosi: un potenziale paziente peraltro molto diffuso, visto che oggi in Europa si contano 20 milioni di gatti “senior”, pari al 30% di tutta la popolazione felina europea.
Ma il gatto come manifesta il dolore da artrosi? È intorno a questa domanda che Bennett ha incentrato la seconda parte della sua relazione. È raro che il gatto artrosico presenti zoppia. È invece assai più probabile che vada incontro ad una serie di alterazioni comportamentali cui è il proprietario a dover per primo porre attenzione: dalla riduzione del livello di attività generale, alla diminuita attitudine al salto, alle vocalizzazioni, alla tendenza ad isolarsi, alle modifiche alimentari ed eliminatorie.
Per Bennett le alterazioni del comportamento o dello stile di vita fanno parte di quel “triangolo della certezza” che, unitamente ai segni radiografici e più tipicamente clinici, permette di fare diagnosi di artrosi nel gatto.
Ed altrettanto multimodale è la terapia descritta dall’ortopedico. Interventi dietetici e di arricchimento ambientale possono, infatti, combinarsi con misure fisioterapiche, nutraceutiche ed antiossidanti. Il tutto, tenendo ovviamente conto anche della necessità di controllare il dolore, specie se cronico: utilizzando antinfiammatori/analgesici sicuri per il gatto, specie se anziano, e comunque per il tempo strettamente necessario ad ottenerne la scomparsa o la riduzione di gravità.

Bennett D. Osteoarthritis in the cat: radiographic signs, clinical signs and therapy. Atti Simposio SITOV-AIVPA “Artrosi del gatto”, Parma, 18 maggio 2008

© 2008 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy