Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Cushing: attenti all’artrosi

I cani affetti da iperadrenocorticismo (sindrome di Cushing) soffrono di artrosi pluriarticolare, che si manifesta all’inizio delle terapie ed è resistente ai FANS. Se ne è parlato alla SEVC (Southern European Veterinary Conference).

Cushing: attenti all’artrosi

Non ci sono pubblicazioni specifiche in letteratura ma, a detta di Duncan Lascelles, noto studioso del dolore nei piccoli animali, è un riscontro clinico molto comune: i cani affetti da iperadrenocorticismo (sindrome di Cushing) vanno incontro ad una forma di grave artrosi poliarticolare, verosimilmente causata dagli effetti condrolesivi degli alti livelli circolanti di corticosteroidi, e dall’instabilità secondaria alla lassità legamentosa e muscolare, tipica del Cushing.
E la situazione non migliora con la terapia: anzi. In occasione della SEVC 2008 (Barcellona, 17-19 ottobre), Lascelles ha ribadito che l’artrosi secondaria a questa frequente endocrinopatia può peggiorare proprio in coincidenza dell’inizio delle terapie, tanto da rendersi necessario allertare i proprietari sul possibile rischio di recrudescenza del dolore artrosico.
La situazione è ancora più complicata dal fatto che, in tali condizioni, i più comuni analgesici – i FANS, per intenderci – non sono da usare: sia per i pesanti effetti collaterali, amplificati dagli elevati livelli di glucocorticoidi, e sia perché, molte volte, il dolore artrosico di questi pazienti non è responsivo agli anti-infiammatori non steroidei.
Che fare, dunque, per l’artrosi di un cane portatore di Cushing che, tra l’altro, non è potenzialmente in grado di reggere una chirurgia articolare, per la predisposizione alle infezioni e/o alle complicanze tromboemboliche? È lo stesso Lascelles ad individuare una via analgesica “alternativa”. Fatta, cioè, di quella combinazione di interventi che, nel loro insieme, sono in grado di contenere il dolore articolare: il controllo del peso; la fisioterapia riabilitativa; le modifiche ambientali; i nutraceutici condroprotettori (glucosamina e condroitin solfato) che, nel lungo termine, si rivelano utili, oltre che nel recupero strutturale dell’articolazione lesa, anche nel controllo dei sintomi conclamati.

Scott-Moncrieff C, Lascelles D. Cushings and osteoarthritis: treatment decision making illustrated. Scientific Proceedings Southern European Veterinary Conference, Barcelona, October 17-21, 2008

© 2008 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy