Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Gatto anziano, ma sempre abile

L’invecchiamento non intacca la memoria spaziale del gatto che, anche in tarda età, si differenzia in modo sostanziale dalle altre specie, cane compreso.

Gatto anziano, ma sempre abile

Che il gatto sia un soggetto particolarmente complesso da studiare non è certo una novità. Lo è invece il fatto che anche il suo declino cognitivo, legato al trascorrere degli anni, rientri nelle caratteristiche difficilmente inquadrabili della specie felina.
A far emergere questo problema, è oggi un gruppo di comportamentalisti inglesi, che applica un test cognitivo specifico per l’apprendimento spaziale e la memoria a 36 gatti suddivisi in quattro gruppi di età: giovani (da 0 a 3 anni), adulti (fino agli 8 anni), anziani (dagli 8 ai 12 anni) e geriatrici, di età superiore ai 12 anni.
Ebbene, a dispetto dell’avanzare dell’età, le performance cognitive e mnemoniche dei gatti appartenenti alla fascia anziana e geriatrica non erano significativamente diverse da quelle espresse da soggetti giovani e adulti. A significare che nel gatto, a differenza di quanto riscontrato nel cane, l’invecchiamento cerebrale non si manifesta con una compromissione nè dell’apprendimento spaziale né della memoria.
Risultato sorprendente, affermano gli stessi ricercatori, specie in rapporto alle recenti evidenze che dimostrano come il gatto, al pari dell’uomo e del cane, vada incontro ad un complesso ben definito di alterazioni neurodegenerative età-correlate. È ipotizzabile che ci si trovi di fronte ad una differenza specie-specifica: i gatti, cacciatori solitari, sono costretti a resistere, proprio per ragioni di sopravvivenza spicciola, al calo delle loro performance motorie e cognitive, assai di più rispetto al cane che, strutturato in gruppo, può contare su un potenziale di difesa collettivo, oltre che individuale.
Ulteriori studi si rivelano dunque sempre più necessari per individuare le metodologie più consone a svelare i segni patognomonici di invecchiamento cerebrale nel gatto, al fine di attuare, anche per questa specie, precoci ed efficaci strategie terapeutiche contro l’invecchiamento cerebrale patologico ed i segni clinici ad esso correlati.

McCune S, Stevenson J, Fretwell L, Thompson A, Mills DS. Ageing does not significantly affect performance in a spatial learning task in the domestic cat (Felis silvestris catus). Applied Animal Behaviour Science 2008; 112: 345-356

© 2008 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy