Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Gratta, gratta!

“The Innovet Journal” numero 4 è dedicato al “prurito”, perché proprietari di cani e gatti siano informati su come gestire, assieme al veterinario di fiducia, questo fastidioso sintomo dei loro amici a 4 zampe.

Gratta, gratta!

Il foglio periodico di approfondimenti di Salute Animale, ideato e curato da Innovet specificatamente per proprietari di cani e gatti, si concentra questa volta su un argomento di grande importanza pratica: il prurito. Vale a dire, quella “fastidiosa sensazione capace di indurre nell’animale colpito il continuo desiderio di grattarsi, strofinarsi, leccarsi, mordicchiarsi e scuotere la testa”; e che “può diventare davvero frustrante, riducendo pesantemente la qualità di vita di cani e gatti, creando notevole disagio al proprietario…e mettendo anche a rischio il rapporto uomo-animale.” Sono queste le parole con cui Fabrizio Fabbrini, noto specialista in Dermatologia Veterinaria, si rivolge al proprietario, per fornirgli utili informazioni su cause, segni clinici e trattamenti adeguati per imparare a controllare questa sgradevole sensazione dei nostri pet. Le cause. Fabbrini cita un lungo elenco di condizioni patologiche accomunate dal sintomo “prurito”. Prima di tutto, le allergie: quelle esagerate reazioni immunitarie a parassiti, insetti, alimenti, ma anche a sostanze banali o innocue presenti nell’ambiente, che si manifestano con pruriti di diversa intensità e localizzazione, e che possono aprire la strada anche a complicanze di natura infettiva. Sulla gestione del prurito, Fabbrini non ha dubbi: è la piena collaborazione tra veterinario e proprietario la chiave di un management di successo. Al primo spetta, infatti, il compito di individuare le cause specifiche del prurito. Ma è al proprietario che compete di mettere in pratica, con scrupolo e costanza, i consigli dello specialista: da diete restrittive in caso di allergie alimentari; a puntuali profilassi anti-parassitarie; a terapie specifiche per le possibili infezioni; alla shampooterapia per “ridurre la carica allergenica e detergere la cute”; alla somministrazione per via sistemica e/o all’applicazione locale di sostanze (aliamidi), in grado di controllare in maniera fisiologica il prurito, riequilibrando uno dei suoi principali meccanismi scatenanti: l’iperdegranulazione dei mastociti cutanei iper-reattivi.

© 2008 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy