Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Ippocampo a rischio nel cane anziano

In cani di età superiore agli 11 anni, diminuisce la produzione di nuovi neuroni (neurogenesi) a livello di ippocampo. Lo pubblica “Aging Cell”.

Ippocampo a rischio nel cane anziano

Arrivano dal Dipartimento di Farmacologia e Tossicologia della “Ludwig Maximilians University” di Monaco (Germania) le ultime evidenze in tema di neurodegenerazione senile del cane.
Il gruppo di Anton Pekcec pubblica, infatti, nel fascicolo di giugno 2008 di ”Aging Cell” i risultati di recenti ricerche, condotte post-mortem con specifiche tecniche di marcatura neuronale, sui cervelli di 37 cani di proprietà, vissuti in diverse condizioni ambientali.
Ebbene, negli strati ippocampali dei soggetti anziani (> 11 anni) si osserva la drastica riduzione della neurogenesi, rispetto a quella rilevata nei cani di giovane età.
Non solo. I farmacologi dimostrano anche la concomitante deposizione di proteina beta-amiloide. Ad indicare, in via ormai definitiva, che il cervello del cane anziano va incontro, anche in condizioni di vita normali, ad alterazioni neurodegenerative, in questo caso di natura strutturale, che possono sfociare in quei deficit comportamentali, mnemonici e cognitivi, tipici della demenza senile.
I dati pubblicati costituiscono anche un’ulteriore, ancorchè indiretta, riprova a suffragio dell’utilità di misure neuroprotettive: capaci, cioè, di prevenire e/o controllare quelle alterazioni – di natura strutturale, metabolica, trofica e neurotrasmettitoriale – che sono alla base degli invalidanti disordini comportamentali e cognitivi che possono colpire cani e gatti anziani.

Pekcec A, Baumgartner W, Bankstahl JP, Stein VM, Potschka H. Effect of aging on neurogenesis in the canine brain Aging and Cell 2008; 7(3): 368-374

© 2008 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy