Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Cane anziano: si sottovaluta la CDS

Un’indagine epidemiologica rivela che la disfunzione cognitiva (cognitive dysfunction syndrome, CDS) è spesso erroneamente considerata dai proprietari una forma di invecchiamento fisiologico. Se ne è discusso ad Edinburgo.

Cane anziano: si sottovaluta la CDS

Il dato presentato al settimo meeting internazionale di Medicina Comportamentale è frutto di un’indagine epidemiologica, condotta dall’Università di Barcellona e di Pisa, sui disturbi comportamentali riportati nelle cartelle cliniche di 270 cani di età superiore ai sette anni.
Le diagnosi comportamentali – spiegano i ricercatori – testimoniano la diversa sensibilità dei proprietari nei confronti dei segni clinici che le caratterizzano. Infatti, se l’aggressività è in testa alla classifica sintomatologica, i segni caratteristici di CDS (disturbi di interazione con il proprietario, alterazioni del ciclo sonno-veglia, perdita delle corrette abitudini eliminatorie, depressione o apatia) sono assai meno riconosciuti e, molto spesso, interpretati nell’ottica di un normale, quanto inevitabile, invecchiamento del proprio animale.
A riprova di questa affermazione, è anche il fatto che sono i proprietari di cani di età inferiore ai sette anni a riconoscere con più facilità i segni clinici di CDS, non considerandoli ancora parte di un fisiologico processo di invecchiamento e, dunque, preoccupandosi di riferirli al veterinario di fiducia.
Il dato concorda con altre indagini che, da una parte, rivelano come la CDS sia una diagnosi sicuramente sottostimata nel cane anziano; e, dall’altra, allertano i proprietari a rivolgersi al veterinario, non appena compaiano uno o più “campanelli d’allarme” di un possibile invecchiamento cerebrale patologico. La posta in gioco è alta: quella di prevenire per tempo l’insorgere di situazioni patologiche, come appunto le disfunzioni cognitive o le demenze senili, che possono gravemente compromettere la qualità di vita del pet anziano.

Mariotti VM, Landucci M, Lippi I, Amat M, Manteca X, Guidi G. Epidemiological study of behavioural disorders in elderly dogs. Proceedings 7th International Veterinary Behaviour Meeting, Edinburgh, 28-31 October 2009, pp. 241- 245

© 2009 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy