Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Endocannabinoidi all’EAVPT 2009

Due dei principali componenti dei sistemi endocannabinoidi ed endovanilloidi sono stati oggetto di una “keynote lecture” al congresso europeo di Farmacologia Veterinaria di Leipzig.

Endocannabinoidi all’EAVPT 2009

È “Journal of Veterinary Pharmacology and Therapeutics” a pubblicare gli Atti dell’undicesimo congresso dell’Associazione europea di farmacologi veterinari (EAVPT, Leipzig, 12-16 luglio 2009): una vera e propria maratona di “plenary lecture”, workshop, free comm, e simposi specialistici tenuti da esperti internazionali sugli argomenti più innovativi ed interessanti nel settore della Farmacologia e Tossicologia veterinaria.
Nella sessione dedicata alla gestione del dolore, il farmacologo Giovanni Re (Torino) ha tenuto una “lecture” sul TRPV-1: il “recettore per i vanilloidi” che, proprio grazie al gruppo di farmacologi di Torino, è stato identificato non solo su elementi neuronali, ma anche su cellule extra-neuronali, come i cheratinociti epidermici di cane [NdR Cuniberti et al. J Vet Pharmacol Therap 2009; 32(Suppl.1): 226-7].
Ebbene, negli ultimi anni il TRPV-1 si è sempre più caratterizzato come un elemento chiave degli endovanilloidi: quel sistema basato sulla produzione endogena di sostanze che esercitano importanti effetti antinfiammatori ed analgesici, e che risulta funzionalmente correlato a quello degli endocannabinoidi e composti cannabimimetici, di cui la palmitoiletanolamide (PEA) rappresenta il componente principale.
Dopo aver spiegato il complesso ruolo del TRPV-1 sia in fisiologia che nello sviluppo di importanti condizioni patologiche caratterizzate da infiammazione e dolore, Re si è concentrato sulla PEA e sui molteplici meccanismi con cui il capostipite delle aliamidi esercita un’azione endogena protettiva: dalla capacità di agire da antagonista locale dell’eccesso di degranulazione mastocitaria (meccanismo ALIA), al cosiddetto “effetto entourage”, basato sull’inibizione da parte della PEA della degradazione di altri composti endogeni che, sfruttando proprio il TRPV-1, esercitano, al pari dell’aliamide, attività antinfiammatoria ed antinocicettiva.

Consulta il programma di EAVPT 2009
http://www.eavpt2009.de/dload/eavpt2009_final_programme.pdf

Re G, Barbero R, Cuniberti B. The vanilloid receptor TRPV-1: a potential target in the management of pain and inflammation in domestic animals. J Vet Pharmacol Therap 2009; 32(Suppl.1): 36-38

© 2009 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy