Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Un dizionario per parlare “gatto”

Esce il primo dizionario bilingue per imparare a parlare correntemente gatto:180 situazioni-tipo del comportamento felino, viste dalla parte del gatto, dell’uomo, e viceversa.

Un dizionario per parlare “gatto”

Se c’è un rapporto che risulta letteralmente infarcito di luoghi comuni è proprio quello che abbiamo con i piccoli felini che condividono le nostra mura domestiche. Si passa da toni magici e di meraviglia, fondati sul mistero dei loro sguardi, la sinuosità e le doti acrobatiche dei loro movimenti o la crepuscolarità delle loro abitudini. Per passare ad atteggiamenti di indifferenza o, ahinoi, di intolleranza, basati su distorte, quanto radicate, convinzioni, del tipo: il gatto è traditore, solitario, asociale, egoista, individualista, anaffettivo, interessato solo al tetto ed alla ciotola.
Ebbene, questo primo dizionario di “gattese” corrente, in edizione italo-francese, può servire a rimettere le cose al proprio posto, ridando al piccolo felino delle nostre case la soggettività che gli spetta, ed a noi la possibilità di decriptare in modo corretto molte situazioni relative alla convivenza di tutti i giorni.
Ideato in collaborazione con il veterinario francese Jean Cuvelier, illustrato da Gilles Bonotaux e curato nell’edizione italiana da Roberto Marchesini, il dizionario rassegna in ordine alfabetico 180 parole-chiave, che vengono spiegate non solo dal “lato umano” (in pratica, cosa significano ai nostri occhi certi atteggiamenti o reazioni del nostro gatto), ma anche dal “lato gatto”: come, cioè, il gatto di casa interpreta i nostri comportamenti e reagisce di conseguenza.
Un esempio? Alla voce “senilità”, c’è la descrizione di un gatto anziano che vediamo vagare di notte per la casa miagolando. In “gattese” stretto, questo significa: “non so più dove sono né che ora è”. Saperlo, significa che non lo chiuderemo più fuori di casa per evitare i suoi insistenti miagolii. Quanto piuttosto, che ci sforzeremo di garantirgli la nostra rassicurante presenza, e di aumentare ancor di più le nostre attenzioni, per aiutarlo a vivere al meglio questa delicata fase della sua vita.
In periodo di strenne natalizie, non c’è niente di meglio che avere idee “regalo”, capaci di coniugare l’originalità all’utilità. E questo dizionario è una di queste. Quelli che imparano a parlare correntemente “gatto” hanno la possibilità non solo di rispettare di più le esigenze etologiche e di benessere dei loro felini domestici, ma anche di conviverci meglio e… meno graffiati.

Dizionario bilingue italiano/gatto, gatto/italiano. 180 parole per imparare a parlare gatto correntemente. Edizioni Sonda/Larousse, 2009

© 2009 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy