Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Anche i gatti invecchiano

Con l’avanzare dell’età, il gatto, come il cane, può andare incontro alla sindrome della disfunzione cognitiva (CDS). Il segreto è accorgersene in tempo e mettere in atto tutti i rimedi di cui oggi disponiamo.

Anche i gatti invecchiano

Meno conosciuta, ma altrettanto invalidante di quella che colpisce il cane, la CDS del gatto è oggi considerata una delle sindromi comportamentali che più seriamente possono compromettere il benessere del nostro felino di casa durante l’età anziana e geriatrica.
A spiegarne le ragioni sono tre noti comportamentalisti canadesi, che iniziano la loro review descrivendo l’articolato quadro di segni clinici che accompagnano questa forma di demenza senile nella specie felina: dalle vocalizzazioni notturne, al disorientamento, alle alterate abitudini eliminatorie, all’irrequietezza. Segni di disagio, spiegano gli esperti, che anche nel gatto si correlano a specifiche alterazioni neurodegenerative (es. depositi diffusi di amiloide A-beta), piuttosto che a diminuite performance mnemoniche e cognitive, valutate con test neuropsicologici applicabili anche al gatto.
Che atteggiamento adottare nei confronti di un gatto che, specie dopo i dieci anni, può essere affetto da disfunzione cognitiva? I comportamentalisti indicano un approccio “pro-attivo” con cui il veterinario può aiutare il proprietario a riconoscere i segni di disagio comportamentale del proprio gatto anziano e, soprattutto, può pianificare per tempo le più opportune strategie terapeutiche. Tra queste, si parla non solo di misure farmacologiche ed ambientali, ma anche di interventi dietetici e nutrizionali, adatti a prevenire e/o contrastare le alterazioni neurodegenerative età-correlate. A questo proposito, Lansberg e Co. parlano di Senilife: il supplemento nutrizionale che, grazie ai suoi componenti (fosfatidilserina, resveratrolo, Ginkgo biloba, vitamina B6 e vitamina E) ha già dimostrato di possedere importanti effetti di neuroprotezione e di potenziamento dei processi mnemonici e cognitivi nel cane anziano.

Landsberg G, Denenberg S, Araujo J. Cognitive dysfunction in cats. A syndrome we used to dismiss as “old age”. J Feline Med Surg 2010; 12: 837-848

© 2010 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy