Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Condroitin solfato: più puro, più efficace

Il grado di purezza è fondamentale per garantire gli effetti condroprotettivi del condroitin solfato (CS). A dimostrarlo sono gli studi dell’”Osteoarthritis Research Unit” di Montreal.

Condroitin solfato: più puro, più efficace

Sicuramente il CS è, assieme alla glucosamina, uno dei nutraceutici condroprotettori più utilizzati per l’artrosi del cane e del gatto, a carico del quale esistono ormai numerose conferme di efficacia clinica, sia strutturale che sintomatica a lungo termine. Ma le potenzialità anti-artrosiche di questo glicosaminoglicano, naturale componente della matrice cartilaginea, sono, in particolar modo, legate a frazioni specifiche, dotate di specifiche caratteristiche fisico-chimiche (basso peso molecolare, fisiologico grado di solfatazione), come di un elevato grado di purezza.
A suffragare la stretta correlazione esistente tra attività biologiche e grado di purezza del CS arrivano oggi le ricerche del noto reumatologo canadese Jean Pelletier. Dalle pagine di “Journal of Rheumatology”, il gruppo di ricerca divulga, infatti, i risultati ottenuti su espianti di cartilagine artrosica umana, incubati con tre frazioni di CS a diverso grado di purezza.
Più la frazione di CS è pura, priva, cioè di impurità proteiche o, peggio ancora, di composti non attivi o non ben definiti, e più la molecola si rivela dotata di effetti anti-artrosici. Tant’è che solo le due frazioni di CS con un grado di purezza > 96% sono in grado di esercitare azioni sia anticataboliche (diminuzione del rilascio di fattori infiammatori, come interleuchine e prostaglandine) che pro-anaboliche (aumento della sintesi del collagene di tipo II).
Al contrario, la frazione dotata di un minor grado di purezza (90%) dimostra addirittura effetti pro-catabolici, incrementando la produzione di citochine pro-infiammatorie (IL-6) e di proteasi litiche di matrice (MMP-1).
È lo stesso Pelletier a trarre la “morale” dai risultati delle sue ricerche: se l’obiettivo è quello di controllare l’artrosi ed alleviarne i sintomi, allora è fondamentale orientarsi verso quelle frazioni di CS che, grazie all’accuratezza dei procedimenti di estrazione e purificazione, godono di un elevato grado di purezza.

Tat SK, Pelletier JP, Mineau F et al. Variable effects of 3 different chondroitin sulfate compounds on human osteoarthritic cartilage/chondrocytes: relevance of purity and production process. J Rheumatol 2010; 37(3): 656-664

© 2010 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy