Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Displasia dell’anca: dalla genetica alla diagnosi

“Clinician’s Brief”, rivista ufficiale dei veterinari nord-americani, pubblica un articolo sul profilo genetico e le strategie diagnostiche della displasia dell’anca nel cane.

Displasia dell’anca: dalla genetica alla diagnosi

La displasia dell’anca (Hip Dysplasia, HD) è una malattia a carico dell’articolazione coxo-femorale che inevitabilmente porta allo sviluppo di artrosi. È questa la definizione con cui Wendy Baltzer, consulente ortopedico dell’associazione di veterinari nord-americani (NAVC), apre un utile e snello articolo su quello che dagli anni Novanta ai giorni nostri è considerato uno spauracchio vero e proprio per il cane, specie di taglia grande-gigante: la displasia dell’anca.
Dalla definizione Baltzer passa poi alle implicazioni genetiche: la caratterizzazione, cioè, di quella base poligenica su cui si basa l’eccessiva lassità ed incongruenza di questa articolazione, e che obbliga ad un rigida selezione dei riproduttori piuttosto che ad un attento controllo di quei fattori ambientali (es. peso, livello di attività fisica, regime dietetico) che possono aggravare la predisposizione di razza alla HD.
Interessante anche l’inquadramento patogenetico, schematizzato in due meccanismi principali: la lassità articolare, da una parte, e l’anomala ossificazione encondrale a carico dell’acetabolo, dall’altra, causa scatenante l’incongruenza articolare e la sublussazione secondaria. È così che cani in giovane età, specie di razze a rischio come Terranova, San Bernardo, Pastori tedesco e Labrador retriever, possono sviluppare un’artrosi anche grave e dolorosa, accompagnata da sinovite, versamento articolare e degenerazione della cartilagine.
E la diagnosi? Si tratta innanzitutto di effettuare un accurato rilievo dei segni clinici, dalla zoppia, alle anomalie di andatura, alla riduzione dell’escursione articolare (ROM), affiancato dall’esecuzione di test specifici (es. test di Ortolani) e di un’indagine radiografica, sempre indispensabile per confermare il sospetto diagnostico di HD.

Scarica l’articolo completo da:
http://www.cliniciansbrief.com/column/consultant-call/canine…

Baltzer W. Canine hip dysplasia. Part 1. NAVC Clinician’s Brief, October 2011, pp. 23-26, 80, 82

© 2011 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy