Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

PEA nella IBD del gatto

La palmitoiletanolamide (PEA) agisce positivamente sul sintomo “diarrea” di gatti affetti da malattia infiammatoria intestinale (Inflammatory Bowel Disease, IBD). I primi dati a Rimini.

PEA nella IBD del gatto

La IBD del piccolo animale è, come quella che, sotto diverse spoglie cliniche, affligge l’uomo, un’infiammazione mediata dai mastociti. Lo dimostrano le più recenti indagini di eziopatogenesi che, accanto alle alterazioni di barriera, alla disregolazione del sistema immunitario intestinale (il noto GALT, gut-associated lymphoid tissue) ed alla conseguente perdita di tolleranza ad antigeni ambientali, annoverano anche l’iper-attivazione dei mastociti enterici, e la conseguente esagerata degranulazione di fattori coinvolti nei sintomi funzionali (diarrea) di flogosi intestinale.
Sono questi i presupposti da cui è partita l’idea del noto gastroenterologo Graziano Pengo di impiegare la PEA nel gatto con diagnosi endoscopica di IBD, stante la dimostrata capacità del capostipite delle aliamidi di normalizzare la degranulazione mastocitaria, anche a livello gastro-enterico.
Nella sessione di Gastroenterologia, Pengo ha illustrato una casistica preliminare di 5 diverse forme istopatologiche di IBD del gatto, rivelatesi refrattarie al controllo dietetico e/o alle classiche terapie antinfiammatorie ed immunosoppressive.
Già dopo sette giorni, la somministrazione orale di PEA al dosaggio di 25 mg/kg ha normalizzato sia la frequenza che la consistenza delle feci, mantenendo tale effetto anche dopo 30 giorni dall’inizio del trattamento.
Risultati molto incoraggianti, ha sottolineato Pengo, che ipotizzano un possibile impiego della molecola nelle condizioni infiammatorie croniche intestinali del gatto, e che fanno da apripista a studi clinici di più ampio respiro e di maggior standardizzazione delle diverse forme istopatologiche di IBD da trattare con PEA.

Pengo G, Miolo A. Utilizzo di Palmitoiletanolamide micronizzata in un caso di gastroenterocolite eosinofilica felina. Atti 69° congresso internazionale SCIVAC, Rimini 27-29 maggio 2011, p. 398

© 2011 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy