Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Perdita dell’olfatto: un segno di demenza

La proteina amiloide tipica dell’Alzheimer uccide i neuroni che rilevano gli odori, tanto che la perdita dell’olfatto è un segno premonitore di demenza senile: sia nell’uomo che nel cane.

Perdita dell’olfatto: un segno di demenza

È quanto riporta uno studio del “National Institute of Neurological Disorders and Stroke” dell’NIH statunitense, condotto su topolini geneticamente modificati in modo da produrre elevati livelli di APP: la proteina precursore dell’amiloide, nota per essere un fattore chiave nella formazione di quelle placche cerebrali che danneggiano i neuroni, e che inducono i cambiamenti comportamentali tipici della demenza senile. Ebbene, la morte delle cellule olfattive di questi animali si rivela quattro volte superiore a quella dei topolini normali, ad indicare che la proteina da sola, anche in assenza delle placche, è in grado di indurre modifiche di tipo neurodegenerativo. Non solo, ma bloccando la produzione eccessiva di APP, i ricercatori notano che il meccanismo di morte cellulare si arresta.
Già si sapeva che altre proteine a significato neurodegenerativo (proteina tau, ad esempio) erano implicate nelle disfunzioni olfattive tipiche di malattie neurodegenerative come Parkinson ed Alzheimer. La nuova ricerca sottolinea, però, il legame diretto tra amiloide e deficit dell’olfatto, tanto che gli stessi ricercatori danno a tali disturbi il significato di veri e propri marker diagnostici precoci di demenza senile.
I dati di Medicina umana trovano riscontro anche in Geriatria Veterinaria, se si pensa che oggi la perdita dell’olfatto viene inclusa tra i parametri di valutazione comportamentale della demenza senile del cane anziano (Salvin et al, Vet J), oltre che essere invocata come uno dei motivi principali della riduzione di appetito che può accompagnare l’avanzare dell’età.

Cheng N, Cai H, Belluscio L. In vivo olfactory model of APP-induced neurodegeneration reveals a reversibile cell-autonomous function. J Neurosci 2011, 31(39): 13699-13704

Salvin HE, McGreevy PD, Sachdev PS, Valenzuela MJ. The canine cognitive dysfunction rating scale (CCDR): a data-driven and ecologically relevant assessment tool. Vet J. 2011; 188(3):331-6

© 2011 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy