Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Esercizi anti-displasia

Veterinari norvegesi forniscono utili consigli e semplici accorgimenti per ridurre al minimo i rischi ambientali di displasia dell’anca nei cuccioli (< 3 mesi) appartenenti a razze grandi/giganti.

Esercizi anti-displasia

La displasia dell’anca, si sa, è una malattia dello sviluppo su base genetica che colpisce in particolar modo le razze grandi/giganti, tra cui Terranova, Labrador Retriever, Leonberger e Levrieri irlandesi. 501 cuccioli appartenenti a queste quattro razze sono stati pertanto oggetto di studio da parte di un team di veterinari norvegesi, che ne hanno seguito l’esposizione a fattori di rischio, legati all’ambiente di vita e al tipo di esercizio fisico, dalla nascita al primo controllo radiografico ufficiale per la displasia dell’anca.
Obiettivo: identificare quelle situazioni che maggiormente potevano aumentare il rischio di displasia dell’anca nei cuccioli in crescita.
Dall’analisi dei questionari somministrati ai proprietari, risultava che erano i cani nati in ambiente urbano nel periodo autunno-inverno, o che quotidianamente utilizzavano scale, ad essere maggiormente esposti allo sviluppo radiografico di displasia dell’anca. Viceversa, i cuccioli nati in fattoria durante la primavera-estate, e che venivano lasciati liberi di correre in terreni non accidentati e duri, si dimostravano più protetti da questo rischio.
Gli sforzi, concludono i ricercatori, per minimizzare o prevenire i fattori ambientali di rischio che influenzano lo sviluppo della displasia dell’anca, devono dunque iniziare fin da subito. Lo studio induce, infatti, a consigliare che i cuccioli di età inferiore ai 3 mesi, ed appartenenti a razze predisposte alla displasia dell’anca come quelle grandi/giganti, non siano costretti a “fare le scale”, quanto piuttosto abbiano l’opportunità di correre all’aperto su terreni soffici e moderatamente accidentati. La posta in gioco è molto importante, ed è la prevenzione di quei fattori che possono aggravare l’espressione stessa della malattia displasica, accelerandone la dolorosa, quanto obbligata, evoluzione artrosica.

Krontveit RI, Nodtvedt A, Saevik BK et al. Housing- and exercise-related risk factors associated with the development of hip dysplasia as determined by radiographic evaluation in a prospective cohort of Newfoundlands, Labrador Retrievers, Leonbergers and Irish Wolfhounds in Noeway. American Journal of Veterinary Research 2012; 73(6): 838-846
Leggi l’abstract di PubMed in: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22620698

© 2012 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy