Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

I batteri di bocca in bocca

I cani e i loro proprietari sembrano condividere proprio tutto, perfino le specie batteriche che causano carie e parodontiti. A dimostrarlo è un team di dentisti giapponesi.

I batteri di bocca in bocca

Generalmente, i batteri patogeni che albergano nella bocca godono di una distribuzione diversa tra uomo e cane, tant’è che la popolazione microbica responsabile di carie, gengiviti e parodontiti è sostanzialmente diversa tra l’amico a quattrozampe e il suo proprietario. Cosa succede, però, quando cani e proprietari vivono quotidianamente a stretto contatto?
La risposta ci viene da una ricerca giapponese che per la prima volta ha analizzato campioni di placca dentale provenienti da 81 proprietari e 66 dei loro cani, proprio con l’intento di indagare la possibilità di trasmissione uomo-animale di specifici batteri periodontopatogeni.
In effetti, lo studio ha dimostrato una significativa correlazione tra i rispettivi profili batterici del cavo orale. Tanto da dare fondamento ad una possibile ipotesi di trasmissione interspecifica dei ceppi batterici, chiamati in causa nella genesi e nella cronicizzazione delle infiammazioni orali. Vale per tutti l’esempio del Porphyromonas gulae, anerobico Gram-negativo comunemente assente nel cavo orale dell’uomo, ma ritrovato in tutti i campioni di placca prelevati da proprietari che vivevano a strettissimo contatto con i loro cani.
Si tratta di primi risultati che fanno da apripista a successivi approfondimenti in un campo d’indagine condiviso sia dall’uomo che dall’animale da compagnia, com’è appunto quello della salute orale. Quel che è certo è che già fin d’ora siamo chiamati a preoccuparci, possibilmente tutti i giorni, dell’igiene e della salute orale del nostro amico a quattrozampe.Lo dobbiamo sicuramente fare per il benessere e la qualità della sua vita. Ma, tutto sommato, anche per noi: per continuare a godere dei benefici di un contatto ravvicinato con il nostro animale da compagnia, senza per questo esporci al rischio di pericolose trasmissioni microbiche.

Yamasaki Y, Nomura R, Nakano K et al. Distribution of periodontopathic bacterial species in dogs and their owners. Archives of Oral Biology 2012; 57(9): 1183-1188
Leggi l’abstract di PubMed in: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22417880

© 2012 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy