Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Glaucoma canino: un rischio condiviso con l’uomo

Ricercatori giapponesi individuano un gene responsabile della predisposizione al glaucoma sia nell’uomo che nel cane.

Glaucoma canino: un rischio condiviso con l’uomo

Lo chiamano il “killer silenzioso” dell’occhio. È il glaucoma: una malattia che ogni anno causa la cecità di cinquemila persone e che, parlano le previsioni statistiche, entro il 2030 registrerà un aumento del 33% di nuovi casi. Non va meglio nel settore veterinario, dove i cani, specie se appartenenti a razze a rischio (es. Jack Russel Terrier, Shih-Tzu), sono al pari dell’uomo predisposti al glaucoma, sia primario che secondario a infezioni (uveite), lussazioni della lente, neoplasie e chirurgie intraoculari [NdR. Strom AR et al. Vet Ophthalmol. 2011;14(2):127-32].
Intercettare la malattia nelle sue fasi iniziali (ad esempio con il periodico monitoraggio della pressione intraoculare), ma, soprattutto, individuare i soggetti più a rischio è dunque fondamentale per il controllo di questa neuropatia ottica multifattoriale dagli esiti devastanti per la Salute sia umana che animale.
Grazie al sequenziamento diretto del DNA, lo studio giapponese evidenzia ora un background genetico comune sia all’uomo che a razze di cani come Shiba-Inu e Shih-Tzu. Il tratto condiviso si chiama SRBD1, ed è un gene cosiddetto polimorfico, vale a dire capace di manifestarsi in forme (fenotipi) diverse all’interno di uno stesso carattere.
Aver individuato questo gene, spiegano i ricercatori, può avere conseguenze molto importanti. Opportuni test genetici possono, infatti, determinare con elevata precisione la suscettibilità al glaucoma nel cane, ed aprire la strada a tempestive strategie preventive. Inoltre, il glaucoma del cane si sta sempre più avvicinando a quello umano. Il che significa che il modello canino può essere utile per lo studio del glaucoma umano e, viceversa, quanto vale per l’uomo, in termini di diagnosi e terapia, ha buone probabilità di essere traslato con successo anche alla neuropatia ottica di pertinenza veterinaria.

Kanemaki N, Tchedre KT, Imayasu M et al. Dogs and humans share a common susceptibility gene SRBD1 for glaucoma risk. PLoS One. 2013;8(9):e74372.
Articolo a libero accesso da: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3770690/

© 2013 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy