Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

ANCHE L’ARTROSI AL CONGRESSO SULLE CONTROVERSIE IN VETERINARIA

Al primo congresso mondiale dedicato ad argomenti veterinari ancora irrisolti si è parlato di biomarker di artrosi e nutraceutici per la salute articolare.

ANCHE L’ARTROSI AL CONGRESSO SULLE CONTROVERSIE IN VETERINARIA

La formula congressuale delle “controversie in medicina” è nota da tempo nel settore umano, come eccellente opportunità di riunire scienziati e clinici intorno a temi irrisolti afferenti a diverse branche mediche specialistiche, stimolare il dibattito collettivo, ipotizzare soluzioni e coagulare il maggior consenso possibile intorno alle nuove proposte. Questa originale impostazione congressuale viene ora applicata anche al settore veterinario. È successo a Praga, dal 23 al 25 ottobre 2014, con CoVet, primo congresso mondiale sulle “controversie veterinarie”: un summit di esperti arrivati da tutto il mondo per discutere e trovare nuove soluzioni a “hot topics” di carattere generale, come le strategie di lotta contro i patogeni emergenti, i piani vaccinali, e l’antibiotico-resistenza. Nel mirino della discussione, anche argomenti di specifico interesse ortopedico, come l’utilizzo di cellule staminali per la riparazione cartilaginea, e l’artrosi, principalmente affrontata in termini di biomarker a duplice valore, diagnostico e di valutazione dei trattamenti terapeutici. Yves Henrotin, direttore della “Bone and Cartilage Research Unit” dell’Università di Liegi, è stato riferimento d’eccellenza per la discussione delle “controversie” ortopediche. La sfida del prossimo decennio, ha sottolineato, sarà scoprire l’artrosi in fasi sempre più precoci, intercettando quelle modifiche, metaboliche e molecolari, che coinvolgono tutti i tessuti dell’articolazione, e che di gran lunga precedono le alterazioni radiografiche e il quadro sintomatologico conclamato. Per questo, nel settore veterinario come in quello umano, c’è un’impellente necessità di mettere a punto indicatori (marker) attendibili di artrosi, capaci cioè di evidenziare le concomitanti alterazioni degenerative, infiammatorie e ossidative della malattia, predirne la progressione e valutare l’efficacia delle più innovative modalità terapeutiche. Secondo Henrotin, a trarre vantaggio da questo promettente filone di ricerca è in particolare l’approccio nutraceutico. L’analisi di indicatori, isolati con tecnologie sempre più avanzate da sangue, urine o liquido sinoviale del cane, e reputati segni attendibili delle alterazioni biochimiche e metaboliche di natura artrosica, può infatti consentire la valutazione dell’efficacia “disease-modifying” (orientata cioè alla malattia e ai suoi meccanismi) dei diversi composti, ed orientare l’opzione migliore nell’ambito della terapia medica combinata anti-artrosica. Consulta il programma scientifico del congresso in: http://www.congressmed.com/covet/index.php/scientificprogram…

Henrotin Y. Nutraceuticals for joint health and osteoarthritis biomarkers. Proceedings 1st World congress on Controversies, Debates & Consensus in Veterinary Medicine. Prague, October 23-25, 2014, pp. 39-40

© riproduzione riservata

© 2014 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy