Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

BIMBI SENZA PAURA DELLE PUNTURE CON UN CANE ACCANTO

Avere un cane accanto riduce la paura del prelievo di sangue nei bambini, toglie l’ansia ai genitori e facilita il lavoro dei medici. Lo dimostra un centro d’eccellenza pediatrica di Firenze.

BIMBI SENZA PAURA DELLE PUNTURE CON UN CANE ACCANTO

La vicinanza dell’amico a quattro zampe serve anche a questo: a distrarre a tal punto i nostri bambini, da permettere loro di affrontare con meno paura e stress il momento del prelievo di sangue. A dimostrarlo è un team di psicologi e ricercatori del servizio di terapia del dolore & cure palliative del “Meyer” di Firenze, un centro di eccellenza pediatrica noto per le attività ospedaliere assistite da animali, e per l’impegno nell’applicare i protocolli di “pet therapy” ai piccoli pazienti ricoverati. I ricercatori del “Meyer” hanno infatti dimostrato che dei 50 bambini tra i 4 e gli 11 anni, chiamati ad affrontare una situazione psicologicamente delicata com’è appunto un prelievo di sangue, quelli che reagivano con meno paura e stress avevano accanto un cane addestrato alla pet therapy. Tant’è che in questi bambini venivano registrati punteggi di ansia comportamentale e livelli circolanti di “ormone dello stress” (cortisolo) significativamente inferiori a quelli dei piccoli pazienti privi della compagnia di un quattro zampe. L’esperienza del “Meyer” evidenziava tra l’altro che anche i genitori risentivano positivamente della presenza del cane, manifestando un livello inferiore di angoscia per la procedura cui i figli venivano sottoposti, e consentendo alla fine ai medici stessi di concludere la manovra in maniera più rapida e meno traumatica per tutti. La vicinanza di un cane, ha sottolineato la psicologa Laura Vagnoli, ha permesso di distrarre dalle loro paure i piccoli pazienti, stabilendo nel contempo una relazione d’accoglienza e di supporto, fondamentale per riuscire a completare in pochi minuti gli esami o tutti gli altri trattamenti necessari. Il “Meyer” non è nuovo a questi risultati. Sempre in collaborazione con l’associazione “Antropozoa”, che da oltre 15 anni lavora nel campo delle relazioni di aiuto a strutture ospedaliere pubbliche e private con l’ausilio degli animali, i ricercatori avevano dimostrato come la presenza di un cane rappresentasse un grande conforto anche in corso di procedure odontoiatriche. Capaci come sono i nostri fedeli amici di far accettare ai piccoli pazienti situazioni di forte paura e dolore. Cani, dunque, come operatori sanitari a tutti gli effetti, in grado di ammortizzare condizioni di angoscia e stress. Oltre che “co-terapeuti” in tante condizioni patologiche, dall’ipertensione, ai problemi cardiaci, a varie forme di disabilità e ritardo mentale, anche di interesse pediatrico. Vagnoli L, Caprilli S, Vernucci C et al. Can presence of a dog reduce pain and distress in children during venipuncture? Pain Manag Nurs 2014 Nov 4. doi: 10.1016/j.pmn.2014.04.004. Leggi l’abstract di PubMed in: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25439114

© riproduzione riservata

© 2014 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy