Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

FIV e FELV: due virus che pesano anche sulla bocca

Dimostrata l’associazione tra sieropositività ai retrovirus dell’immunodeficienza e della leucemia felina (FIV e FeLV) e malattie infiammatorie orali. L’età è fattore determinante.

FIV e FELV: due virus che pesano anche sulla bocca

Con l’obiettivo di determinare se la positività ai test FIV/FeLV era associata a varie forme di infiammazione orale come gengiviti, parodontiti o stomatiti, un gruppo di ricercatori canadesi ha condotto uno studio cross-sezionale su 5.179 gatti senza storia pregressa di vaccinazione contro FIV, e valutati relativamente al loro grado di salute orale. Del campione di popolazione analizzata, il 4,6% e il 3,6% è risultato positivo rispettivamente per FIV e FeLV. Relativamente alle patologie orali, si rilevava una prevalenza complessiva pari al 40,6%, suddivisa in gengivite (20,7%), parodontite (11,1%), stomatite (3,9%) e altre condizioni infiammatorie (4,9%). Indipendentemente dall’età, l’infiammazione orale, specie per quanto riguarda la stomatite, risultava significativamente associata ad un rischio maggiore di sieropositività per virus FIV. E, in generale, i gatti affetti da problemi infiammatori al cavo orale si rivelavano potenzialmente più predisposti al rischio FIV/FeLV rispetto ai felini sani. L’età risultava un fattore determinante. Tant’è che, nei gatti di età inferiore ai 5 anni, la presenza di parodontite o stomatite era associata ad un’aumentata tendenza alla sieropositività, mentre dai 10 anni in su non si osservava più l’associazione tra situazione virale e condizione di salute della bocca. È molto probabile, spiega il team di ricerca, che tra infiammazione orale e presenza dei retrovirus si crei un loop di autoperpetuazione del danno, tale per cui lo stato infettivo genera un’anomala o insufficiente risposta immunitaria che accentua la gravità della situazione flogistica, da un lato, e facilita la replicazione del virus, dall’altro. Volendo trarre un’indicazione pratica dai risultati dell’indagine, un sistema per tutelare la salute orale del nostri felini domestici è anche quello di preoccuparsi del loro stato virale, predisponendo per tempo piani vaccinali che li proteggano dai loro più agguerriti nemici. Kornya MR, Little SE, Scherk MA et al. Association between oral health status and retrovirus test results in cats. J Am Vet Med Assoc. 2014; 245(8):916-22 Leggi l’abstract di PubMed in: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25285933

© riproduzione riservata

© 2014 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy