Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Prurito perianale sintomo di allergia cutanea

Due note diplomate italiane in dermatologia veterinaria dimostrano che dermatite atopica e su base alimentare sono frequentemente caratterizzate da prurito perianale primario, non accompagnato cioè da concomitanti malattie anali o dalla presenza di batteri o lieviti.

Prurito perianale sintomo di allergia cutanea

A firmare lo studio, appena pubblicato su “Veterinary Dermatology”, è la coppia Elisa Maina e Chiara Noli che, con il supporto statistico di Mario Galzerano, hanno analizzato 250 cani di proprietà. Obiettivo: rilevare la possibile associazione tra diagnosi dermatologiche di varia natura e prurito della cute perianale.
La frequenza di prurito perianale è risultata significativamente più elevata nei cani affetti da dermatite atopica, reazione avversa al cibo, o da una combinazione delle due allergie, rispetto a quella riscontrata in altre diagnosi dermatologiche. Tale prurito risultava inoltre accompagnato da tipiche alterazioni comportamentali (es. leccamento, mordicchiamento, trascinamento/strusciamento sul terreno) e da un ventaglio di segni dermatologici, come eritema, alopecia, escoriazione, lichenificazione e iperpigmentazione. Non si rilevavano invece batteri o lieviti (Malassezia), né la concomitante presenza di malattie specifiche della regione anale/perianale.
Si tratta della prima volta che in letteratura veterinaria viene pubblicato uno studio sull’associazione tra malattie dermatologiche e prurito perianale che, traslando la definizione dalla medicina umana, viene considerato da Maina e Noli come “la sensazione pruriginosa a carico della zona perianale e perineale, che si estende dalla base ventrale della coda ai genitali, escludendoli”.
Anche se non sufficiente a decretare diagnosi definitiva di dermatite atopica o alimentare, il prurito perianale rientra pertanto tra i più probabili segni di allergia cutanea del cane. Da tenere dunque in primaria considerazione, monitorarne attentamente il decorso e, soprattutto, trattare nel modo più efficace e tempestivo possibile.

Maina E, Galzerano M, Noli C. Perianal pruritus in dogs with skin disease. Vet Dermatol 2014. DOI: 10.1111/vde.12127

© riproduzione riservata

© 2014 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy