Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

ALLERGIE STAGIONALI: UN FASTIDIO CONDIVISO

Cani, gatti, cavalli e uomini. Tutti nel mirino della stagione dei pollini, capaci di scatenare reazioni molto diverse, ma perfettamente identiche per meccanismi allergici.

ALLERGIE STAGIONALI: UN FASTIDIO CONDIVISO

La rassegna di letteratura porta la firma di un gruppo di allergologi viennesi, che dimostra le poche differenze e le tante similitudini esistenti tra uomo e animali domestici in tema di “allergia ai pollini”. Un motivo, questo, alla base dell’elevato valore comparativo e traslazionale di questa nicchia clinica, specie in termini di meccanismi patogenetici e strategie terapeutiche condivise dalle diverse specie. Indubbia la diversità delle manifestazioni cliniche. Se gli esseri umani reagiscono agli allergeni ambientali (pollini compresi) prevalentemente con starnuti e disturbi respiratori (asma), i sintomi prevalenti nei nostri quattrozampe sono di natura cutanea: prurito e lesioni atopiche per il cane e varie forme di dermatiti allergiche (es. granuloma eosinofilico), ma anche riniti, per il gatto. A fronte di questa spiccata differenziazione clinica c’è però un terreno patogenetico comune e perfettamente sovrapponibile. Esposti a stimoli allergizzanti, animali domestici e uomini condividono infatti lo stesso repertorio di meccanismi immuno-infiammatori e, dunque, di cellule coinvolte nell’avvio e nella cronicizzazione della risposta allergica. Tant’è che mastociti, eosinofili e linfociti T sono gli elementi chiave che la review identifica alla base dei sintomi stagionali allergici comuni a noi e ai nostri animali domestici. Importanti le ricadute pratiche di questa capillare analisi della letteratura: a partire, ad esempio, dalle strategie terapeutiche. Gli autori citano in particolare l’immunoterapia allergene-specifica, inquadrandola come approccio utile a ridurre i segni clinici di allergia sia dell’uomo che dell’animale domestico. Alla luce, però, della piena condivisione delle vie di innesco e di periodica recrudescenza, altre strategie (es. aliamidi), mirate a controllare la reattività di cellule chiave della comune risposta allergica, si rivelano oggi dotate di benefici effetti che ricadono ad ombrello sui pazienti stagionali, sia umani che veterinari. Jensen-Jarolim E, Einhorn L, Herrmann I et al. Pollen allergies in humans and their dogs, cats and horses: differences and similiarities. Clinical and Translational Allergy (2015) 5: 15 Leggi l’articolo completo: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4387677/pdf/1360…

© 2015 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy