Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Effetti anti-placca e anti-tartaro dell’ Ascophyllum Nodosum

Un nuovo studio controllato nell’uomo dimostra che l’alga bruna Ascophyllum nodosum esercita potenti effetti anti-placca e anti-tartaro, migliorando igiene e salute delle gengive.

Effetti anti-placca e anti-tartaro dell’ Ascophyllum Nodosum

Un gruppo di odontoiatri svedesi conduce uno studio clinico controllato su 55 pazienti sani, con l’obiettivo di valutare gli effetti dell’assunzione giornaliera, per 6 mesi consecutivi, dell’alga bruna Ascophyllum nodosum sulla formazione del tartaro sopragengivale, lo sviluppo della placca e la salute generale delle gengive. Con l’ausilio di noti e validati indici di placca, tartaro e gengivite, i clinici hanno dimostrato che la quantità di tartaro che si formava, dopo detartrasi, nei 6 mesi di assunzione dell’alga bruna era inferiore del 52% rispetto a quella rilevata negli stessi pazienti, ma trattati con placebo per lo stesso periodo di tempo (controllo). Tant’è che la percentuale di siti dentari privi di tartaro era del 64% nel periodo di assunzione dell’alga, e si riduceva al 43% durante il tempo di somministrazione del placebo. Analogamente, rispetto al controllo, nel periodo di assunzione giornaliera dell’alga bruna si registrava una minor entità sia di placca che di sanguinamento gengivale. Interessante anche la variazione di qualità del tartaro che, in seguito alla somministrazione di Ascophyllum nodosum, presentava una struttura più porosa, meno consistente e, dunque, più facile da rimuovere. L’ipotesi avanzata è che i componenti dell’alga bruna (es. polisaccaridi) interferiscano con il processo di cristallizzazione e precipitazione dei sali minerali contenuti nella saliva e, così facendo, controllino un meccanismo fondamentale nell’innesco della carie e della gengivite, com’è appunto la deposizione del tartaro sopragengivale. È un risultato clinico superiore a quello finora riportato in letteratura con vari dentifrici contenenti sostanze anti-tartaro. Ed è soprattutto una conferma di quanto già si è riscontrato in odontoiatria veterinaria, dove la somministrazione quotidiana di Ascophyllum nodosum a cani e gatti controlla placca, tartaro e alitosi, migliora globalmente lo stato di salute orale dell’animale e, di conseguenza, funziona da agevole ed efficace sistema di prevenzione della malattia parodontale. Van Dijken JWV, Koistinen S, Ramberg P. A randomized controlled clinical study of the effect of daily intake of Ascophyllum nodosum alga on calculus, plaque, and gingivitis. Clin Oral Invest 2014 Dec 16. [Epub ahead of print]. Leggi l’abstract di PubMed in: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25511384

© riproduzione riservata

© 2015 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy