Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

I gatti ci amano: o no?

Secondo uno studio inglese il gatto non ha bisogno di noi. Insorge The Guardian stilando l’elenco dei modi con cui il felino di casa esprime il suo affetto.

gatto che coccola la padrona

È un gruppo di comportamentalisti inglesi a dare nuovamente fiato ad uno storico e ben noto dilemma: ma i gatti ci amano davvero meno dei cani?

 

Secondo Alice Potter e Daniel Mills dell’Università di Lincoln, sembra proprio di sì. I due ricercatori hanno infatti applicato a 20 gatti di proprietà un test (SST, Ainsworth Strange Situation Test), già utilizzato in precedenza per saggiare il legame affettivo tra bambini e genitori e tra bambini e cani. Questa procedura consiste essenzialmente in una sequenza predefinita di episodi potenzialmente stressanti, come trovarsi in un ambiente non familiare (strange situation), interagire con una persona estranea, restare soli o essere separati per un breve periodo dalla figura di riferimento per poi ricongiungersi ad essa.

 

Ebbene, a differenza di quanto rilevato nel cane, i gatti dello studio non cercano alcuna rassicurazione dall’umano, anche quando sono proiettati in ambienti totalmente estranei e sconosciuti. Conclusione: i gatti adulti sono autonomi e non necessariamente sono vincolati alla presenza della figura umana per superare situazioni di disagio e stress.

 

Questa volta però è il quotidiano The Guardian a contestare le conclusioni dell’indagine inglese. La giornalista Fay Schopen porta le prove della devozione felina alla controparte umana, e stila un elenco di 25 modi in cui il gatto ci ama. Quando ad esempio riconosce la nostra auto, i nostri passi; quando ci segue dappertutto in casa; quando ci fissa intensamente o sopporta stoicamente le nostre coccole; quando ci fa gli agguati dietro le porte, si struscia sulle nostre caviglie e miagola solo a noi; quando si avvolge nei nostri vestiti o dorme sul nostro computer; quando “fa il pane”; quando è geloso e ti s’infila nella borsa mentre stiamo per uscire.

 

Come spesso succede, è molto probabile che la realtà stia nel mezzo. Chi conosce i gatti apprezza e rispetta la loro indole autonoma; ma sa anche che questa indipendenza è una loro caratteristica etologica, e non sinonimo di scarso attaccamento ai loro proprietari.

 

Potter A, Mills DS. Domestic cats (Felis silvestris catus) do not show signs of secure attachment to their owners. Plos One 2015 Sep 2;10(9):e0135109

© 2015 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy