Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

PEA-um efficace e sicura

Allo SCIVAC di Rimini, Chiara Noli (nella foto) parla di palmitoiletanolamide ultra-micronizzata per la gestione terapeutica del paziente dermatologico allergico.

PEA-um efficace e sicura

Il punto della situazione in merito al percorso diagnostico-terapeutico da applicare al paziente veterinario allergico è stato fatto a Rimini da Chiara Noli, prima italiana a diplomarsi al college europeo di dermatologia veterinaria, ed esperta internazionale di questa branca specialistica. Dopo un excursus sui principali quadri clinici sia del cane che del gatto, Noli si è concentrata sull’articolato iter diagnostico del prurito allergico, descrivendone le tappe essenziali (a partire dalla ricerca degli ectoparassiti, senza trascurare la ricerca di infezioni complicanti e la valutazione di una possibile allergia alimentare), e stilando alla fine la lista delle possibili diagnosi differenziali. E se la diagnosi è di “dermatite atopica”, come la tratto? A questa domanda, Chiara Noli ha risposto presentando il paniere farmacologico, sia sistemico che topico, oggi a disposizione del medico veterinario per “riuscire a controllare in modo efficace questa allergia”. In attesa degli effetti dell’immunoterapia allergene-specifica, ha sottolineato, ma anche per integrarne i benefici, la strada da seguire è infatti quella dell’uso razionale e sicuro di farmaci antiprurito per via sistemica o topica. Corticosteroidi, ciclosporina, oclacitinib: queste le molecole discusse, nell’ottica però di valutarne anche gli effetti collaterali, specie nel lungo termine, e la possibile rapida ripresa della sintomatologia alla cessazione del trattamento. Uno strumento antiprurito efficace e sicuro, ha aggiunto Noli, è la PEA (palmitoiletanolamide): sostanza lipidica prodotta dai tessuti animali (cute compresa) in risposta a situazioni di danno e/o infiammazione, e, quando somministrata per via orale in forma ultra-micronizzata, capace di controllare prurito e lesioni di cani affetti da dermatite atopica di entità lieve o moderata, migliorando anche la qualità della vita dei pazienti veterinari e dei loro proprietari. Il riferimento è allo studio multicentrico recentemente condotto dallo Skinalia® Clinical Research Group: la task force di diplomati ed esperti dermatologi italiani, coordinati dalla Noli stessa, che ha portato a risultati di grande rilevanza applicativa nel settore dermatologico veterinario, dimostrando efficacia e tollerabilità di un innovativo strumento terapeutico in grado di gestire in tutta sicurezza e “secondo Natura” l’atopia canina. Lo studio Skinalia® è attualmente in fase di pubblicazione su “Veterinary Dermatology”.

Noli C. Il percorso diagnostico-terapeutico per la corretta gestione del paziente dermatologico allergico. Atti 86° congresso internazionale SCIVAC, Rimini, 29-31 maggio 2015, pp. 566-69.

© riproduzione riservata

© 2015 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy