Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Il primo manuale sulla demenza senile di cani e gatti

La casa editrice Springer pubblica il primo libro interamente dedicato alla demenza senile, nuova emergenza sanitaria per cani e gatti senior.

Il primo manuale sulla demenza senile di cani e gatti

“I miglioramenti nella nutrizione, gli screening preventivi, e le più avanzate possibilità di diagnosi e cura sono tra i fattori che hanno aumentato l’aspettativa di vita di cani e gatti e, con essa, il rischio di malattie correlate all’avanzare dell’età… Tra queste, ha sempre più guadagnato importanza clinico-terapeutica la demenza senile (o disfunzione cognitiva), una forma di declino della funzionalità cerebrale che va oltre il normale invecchiamento del cervello, e che condivide molte fattezze, patogenetiche e molecolari, con la malattia di Alzheimer umana.”

 

È questo l’incipit di “Canine and feline dementia”, il manuale fresco di stampa della casa editrice Springer che per la prima volta affronta a 360° il problema della demenza senile, anche detta disfunzione cognitiva, di cani e gatti senior, e ne presenta lo stato dell’arte da un punto di vista epidemiologico, diagnostico, molecolare e terapeutico.

 

Coordinati dal canadese Gary Landsberg, esperti di comportamento animale, neurofisiologi e biologi molecolari raccolgono le loro conoscenze nei nove capitoli del manuale, con l’obiettivo di tracciare un quadro completo di questa nicchia nosologica di primario interesse per i clinici, sia veterinari che umani.

 

Ai primi tre capitoli, interamente dedicati alle caratteristiche cliniche e comportamentali della demenza senile, fa seguito un quarto capitolo che chiarisce le profonde similitudini tra invecchiamento cerebrale dell’uomo e del cane.

 

Il volume affronta poi i più attuali approcci, farmacologici e non, alla demenza senile. “Oggi – scrive Landsberg – disponiamo di trattamenti che, usati da soli o in combinazione, hanno quattro obiettivi: migliorare il metabolismo cerebrale, supportare la neurotrasmissione, ridurre lo stress ossidativo ed aiutare il mantenimento dell’integrità dei neuroni. Si tratta di approcci basati su farmaci, diete terapeutiche, supplementi nutrizionali e strategie di arricchimento ambientale.”

 

Tra i supplementi nutrizionali, il consiglio di Landsberg è chiaro: usiamo Senilife®, in funzione della sua capacità di preservare la performance cognitiva e mnemonica dei pet anziani e, specie se usato all’arrivo dell’anzianità, di migliorare i segni comportamentali di un invecchiamento cerebrale patologico.

 

 

Landsberg G, Madari A, Zika N. Canine and feline dementia. Molecular basis, Diagnostics and Therapy. Springer (2017)

© 2017 Innovet