Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Ricetta elettronica veterinaria: Italia apripista nella UE

L’Italia è il primo Paese in Europa che da gennaio 2019 introduce la prescrizione elettronica obbligatoria per i farmaci veterinari.

Ricetta elettronica veterinaria: Italia apripista nella UE

Italia Paese apripista in Europa per l’introduzione della ricetta elettronica veterinaria (REV) obbligatoria anche per i farmaci veterinari. Il nuovo provvedimento del Ministero della Salute, in vigore dal 1° gennaio 2019, prevede la tracciabilità dei medicinali e delle terapie cui vengono sottoposti sia gli animali destinati alla catena alimentare, sia quelli da compagnia. Un controllo fondamentale soprattutto per gli antibiotici, di cui il nostro Paese è uno dei maggiori utilizzatori.”

 

È questo l’incipit del comunicato ANSA ripreso da tutte le più importanti testate giornalistiche specializzate e non, per annunciare la completa digitalizzazione della gestione dei farmaci veterinari, dalla prescrizione da parte del veterinario fino alla somministrazione ai pazienti animali.

 

Un’operazione, dunque, di vera e propria “Digital Disruption”, con la generazione attraverso il digitale di nuovi modelli organizzativi e operativi che trovano in particolare il plauso di AISA (Associazione delle aziende farmaceutiche del settore veterinario). “La ricetta elettronica obbligatoria – spiega Arianna Bolla, Presidente di AISA – consentirà un controllo pressoché totale sull’andamento della produzione, della vendita, della distribuzione e dell’effettivo utilizzo dei medicinali… Oltre alla possibilità di una tracciabilità completa del farmaco, avremo completa disponibilità di informazione sull’uso antibiotico, compreso il consumo per specie animale: particolare non da poco, perché a partire dalle caratteristiche del consumo per specie si potranno avviare maggiori controlli, più mirati, ma soprattutto maggiore formazione agli allevatori e ai veterinari. Tutte misure per allevare animali più sani”.

 

Più caute le Associazioni veterinarie che, pur considerando i vantaggi del nuovo sistema integrato di tracciabilità, non nascondono dubbi e criticità: dai costi aggiuntivi per l’intera filiera animale; alla necessità di formazione e sperimentazione di un metodo finora prevalentemente utilizzato nel campo degli animali da reddito, e non nel settore pet; all’obiezione di fondo che “molti principi attivi, prescrivibili esclusivamente dal veterinario, non rientrano in percorsi collegabili agli obiettivi dichiarati dalla REV (sicurezza alimentare e lotta all’antibioticoresistenza).”

© 2018 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy