Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

PEA-um in Dermatologia: esperienze umane e veterinarie a confronto

Chiara Noli ha presentato al seminario UNISVET di Dermatologia comparata le più aggiornate evidenze scientifiche sugli effetti dermatologici della PEA-um nell’uomo e negli animali da compagnia.

Chiara Noli

Uomo e animale da compagnia uniti anche da uno dei più frequenti disagi dermatologici: il prurito. È quanto è emerso da un seminario di Dermatologia Comparata organizzato il 22 marzo a Milano da UNISVET (Unione Italiana Società Veterinarie). Relatori principali, Giampiero Girolomoni (Direttore della Clinica Dermatologica dell’Università di Verona) e Rosanna Marsella, presidente del College americano di Dermatologia Veterinaria (ACVD) e membro fondatore della Task Force sulla dermatite atopica canina.

 

Dal confronto serrato tra i due massimi esperti di Dermatologia è emerso un profilo condiviso del prurito atopico. A partire dalla predisposizione genetica e dalle anomalie delle sottopopolazioni linfocitarie. Per arrivare alle alterazioni della barriera cutanea, all’esagerata degranulazione mastocitaria di sostanze direttamente coinvolte nell’innesco e nella cronicizzazione del prurito e dell’infiammazione allergica; alle analogie tra prurito e dolore, anche in funzione di un’aumentata innervazione dell’epidermide di cani e uomini atopici.

 

Grande interesse anche per la nota diplomata dermatologa Chiara Noli, che ha presentato un excursus completo sulla PEA (palmitoiletanolamide): il biomodulatore lipidico affine agli endocannabinoidi che, somministrato per via orale nella forma attiva ultramicronizzata (PEA-um), possiede rilevanti effetti dermatologici in medicina sia umana che veterinaria.

 

Specificatamente in Dermatologia Veterinaria, Noli si è soffermata sui più recenti dati clinici ottenuti nel cane e nel gatto. Dopo la presentazione degli effetti migliorativi di prurito e lesioni cutanee nei cani atopici, la diplomata ha spiegato lo studio clinico controllato condotto su gatti affetti da dermatite allergica non stagionale.

 

Lo studio – ha sottolineato la Noli – ha dimostrato l’efficacia della PEA-um nel migliorare l’effetto anti-prurito dei corticosteroidi e nel prolungarne gli effetti”, secondo i canoni di una strategia “proattiva” mirata a favorire lo stato di remissione della condizione allergica ed impedirne (o ritardarne) future esacerbazioni.

 

 

Noli C. PEA: un biomodulatore endogeno secondo Natura. Effetti dermatologici. In: Argomenti di Dermatologia Comparata. Incontro UNISVET, Milano, 22 marzo 2019

© 2019 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy