Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Per l'alitosi è nato Restomyl® Supplemento

Per l'alitosi è nato Restomyl® Supplemento

Da qualche giorno è disponibile sul mercato italiano Restomyl® Supplemento, un metodo semplice e innovativo per migliorare l’alito dei nostri quattrozampe controllando la placca dentale. Va aggiunto alla pappa quotidiana una volta al giorno mezzo misurino ogni 10 kg di peso corporeo. Restomyl® Supplemento, interamente naturale, contiene un’alga raccolta nell’Atlantico del nord. Uno studi clinico condotto con metodi particolarmente oggettivi e scientificamente comprovati, ha evidenziato che i primi risultati sono apprezzabili a partire dalla 3 settimana di trattamento. Provare per credere. Per maggiori informazioni visita www.innovet.it

© 2009 Innovet

13 commenti su: “Per l'alitosi è nato Restomyl® Supplemento”

  1. MARIACARLA ha detto:

    IO HO DUE CANI DI 14 ANNI E MEZZO UNA E’ DIABETICA E PRENDE L’INSULINA, L’ALTRO E’ MALATO DI CUORE E HA L’ARTROSI, POSSO DARE QUESTO PRODOTTO SENZA PROBLEMI ?.GRAZIE

    1. Alda Miolo ha detto:

      Cara MariaCarla,
      sono Alda Miolo, responsabile del Centro di Documentazione ed Informazione Scientifica di Innovet. Puoi stare tranquilla. L’alga bruna (Ascophyllum Nodosum) contenuta nel prodotto non crea problemi nè ai diabetici nè ai cardiopatici, nè tantomeno ai soggetti affetti da problemi articolari. Inoltre, se questo ti può ulteriormente tranquillizzare, uno studio clinico specifico ha dimostrato come la somministrazione di Restomyl supplemento per circa tre mesi non alteri nessuno dei principali parametri emato-chimici rilevati nel sangue dei cani. Grazie per il tuo commento, ma, soprattutto, facci sapere come ti trovi con il prodotto. Un caro saluto, Alda

  2. davide ha detto:

    ho un cane di 13 anni affetto da lesmaniosi e le zampe anteriori si sono col tempo storte internamente..c’è la possibilità che ritornino dritte con uso di prodotti specifici?

  3. antonio ha detto:

    ho somministrato il prodotto, alle dosi indicate, al mio cane di 7 anni. Al mattino del terzo giorno per circa tre ore è stato piuttosto male (rallentamento motorio e apatia). La veterinaria, dopo averlo visitato e non avendo riscontrato sintomi di avvelenamento o intossicazione mi ha consigliato di sopendere la somministrazione del prodotto; il cane ora sta bene ed è tornato alla normalità; preciso che non è in cura per nessuna patologia.
    Può trattarsi di un effetto collaterale?
    Grazie

    1. Alda Miolo ha detto:

      Caro Antonio,
      innanzitutto un grazie per esserti rivolto al Servizio Clienti del nostro Blog. La tua richiesta ci dà infatti l’opportunità di spiegare che l’unico componente presente in Restomyl supplemento è totalmente innocuo e sicuro. Si tratta, infatti, di un’alga bruna (Ascophyllum Nodosum) che, oltre ad essere commestibile di per sé, in forma essiccata è usata ormai da lungo tempo e su vastissima scala come rimedio contro l’alito cattivo, la placca ed il tartaro, non solo nel cane, ma anche nell’uomo. Un utilizzo, dunque, davvero ampio, che però non è mai stato accompagnato da segnalazioni di effetti collaterali, anche di lieve entità.
      Pertanto, è nostra convinzione che i sintomi manifestati dal tuo cane siano da correlarsi ad altre cause che, se lo ritieni opportuno, possiamo cercare di capire anche parlando con il tuo veterinario di fiducia.
      Rimaniamo dunque a tua completa disposizione nel caso decidessi di comunicarci tramite mail privata il nominativo del medico veterinario cui ti sei rivolto. La mail cui puoi scrivere direttamente è quella del nostro Centro di Documentazione ed Informazione Scientifica (CeDIS) ed è cedis@innovet.it

      Un cordiale saluto e a presto.

      Alda Miolo

  4. valerio ha detto:

    ho un volpino di 3 anni,già da quando ne aveva meno di 2 presentava placca e tartaro.da un mese gli sto somministrando restomyl.chiedo:oltre a prevenire questi inconvenienti,questo prodotto può attenuare il tartaro già accumulato?quei prodotti a barrette di cui si dice rallentino a loro volta il tartaro,sono validi?per ultimo chiedo perchè questo prodotto non viene reclamizzato anche per l’uomo?vi saluto e sentitamente ringrazio. Valerio

    1. Nicoletta Ossola ha detto:

      Buonasera Valerio, grazie per l’interessante quesito.

      Tengo a precisare che Ascophyllum Nodosum , l’alga bruna contenuta in Restomyl® Supplemento, non ha alcun effetto sul tartaro già depositato. La sua azione, infatti, è di diminuire l’alitosi rallentando la formazione della placca e la deposizione del tartaro. Le consiglio pertanto di rivolgersi al suo veterinario di fiducia, e sottoporre il suo volpino ad un’accurata pulizia del cavo orale con ablazione del tartaro e lucidatura dei denti.
      Per quanto riguarda invece le barrette per l’igiene orale del cane, tenga presente che queste hanno prevalentemente un’azione di tipo meccanico, mentre Ascophyllum Nodosum agisce per via sistemica. Possono comunque essere utili anche associate alla somministrazione di Restomyl Supplemento, in quanto con la loro azione abrasiva aiutano a eliminare la placca batterica che, anche se in minor misura, si viene a formare.
      Infine, le comunico che la stessa azienda che ha sviluppato l’ascophyllum nodosum per uso veterinario, commercializza anche un prodotto simile per uso umano, che non viene però venduto in Italia.
      Non esiti a contattarci per ulteriori chiarimenti o quesiti inerenti i nostri prodotti.
      Un cordiale saluto
      Nicoletta Ossola

  5. bruno ha detto:

    ho una barboncina di sette anni uso gi da un po di tempo restomyl supplemento. volevo sapere se ha effeti collaterali .grazie

    1. Nicoletta Ossola ha detto:

      Buongiorno Bruno,
      la ringrazio innanzitutto per averci posto il suo quesito.
      Tengo a precisarle che essendo Restomyl Supplemento un prodotto completamente naturale, composto integralmente da un’alga bruna (Ascophyllum nodosum), non presenta effetti collaterali, può quindi essere somministrato tranquillamente per lunghi periodi e, se necessario, anche a vita. L’unica “raccomandazione” riguarda gli animali affetti da ipertiroidismo, in quanto Ascophyllum nodosum , come tutte le alghe, contiene iodio. In questi soggetti è tuttavia possibile la somministrazione del prodotto, ma è consigliato un monitoraggio da parte del medico veterinario. In ogni modo la quantità di iodio giornaliera fornita con il corretto dosaggio di Restomyl Supplemento è notevolmente inferiore all’apporto quotidiano generalmente raccomandato con la dieta.
      Un cordiale saluto
      Nicoletta Ossola

  6. betty ha detto:

    ho una maltesina di 4 anni e mi hanno consigliato il restomyl supplemento per la prevenzione del tartaro. La dose che mi hanno indicato era di mezzo misurino al giorno sciolto nella pappa.
    Ho notato che da quando ho iniziato questa prevenzione mi va facendo i suoi bisogni sciolti e con muco su tutti i tappeti di casa. Può essere riconducibile ad un’intolleranza al prodotto?
    Grazie

    1. Nicoletta Ossola ha detto:

      Buongiorno Betty,
      la ringrazio per averci posto la sua domanda.
      Mi preme precisarle, innanzitutto, che non ci sono mai stati segnalati episodi di diarrea conseguenti alla somministrazione di Restomyl Supplemento. Una ricerca specifica effettuata sugli eventuali effetti collaterali di Ascophyllum nodosum (AN), di cui è integralmente composto Restomyl Supplemento, non ha evidenziato la comparsa di alcun effetto avverso, anche per somministrazioni a lungo termine.
      Può provare a sospendere per alcuni giorni la somministrazione del prodotto, ma le suggerisco anche di sottoporre la sua maltesina ad una visita specialistica, al fine di valutare altre possibili cause che possano aver indotto la diarrea. Come ad esempio intolleranze alimentari, o problemi gastro-intestinali di varia natura.
      Ci faccia sapere come evolve la situazione, e non esiti a ricontattarci per altri chiarimenti ed informazioni.
      Un cordiale saluto
      Nicoletta Ossola

  7. lara ha detto:

    salve,ho un cane lupo cecoslovacco di 13 mesi che ha un alito molto pesante,non ha placca ne tartataro.sarei interessata a provare questo prodotto,visto che e’ completamente naturale ma ho alcuni dubbi:

    mi hanno sconsigliato di usare l’alga bruna sui cecoslovacchi in quanto tende a far scurire l’iride; il mio cane fa anche esposizioni,e l’occhio troppo scuro verrebbe definito un difetto perciò volevo chiedere se era stato riscontrato veramente questo scurimento.grazie

    1. Marion Polo ha detto:

      Buongiorno Lara,
      tengo innanzitutto a precisare che non esiste alcun fondamento scientifico sul rapporto causale tra l’ingestione di alga bruna e lo scurimento dell’iride. Nella nostra esperienza non abbiamo mai riscontrato tale effetto collaterale in seguito all’utilizzo, anche a lungo termine, di Restomyl supplemento. Sembra invece siano stati riferiti casi di “scurimento dell’iride” in seguito alla somministrazione di un mangime, largamente utilizzato per l’alimentazione del Cane Lupo Cecoslovacco, contenente un’elevata quantità di beta carotene (pigmento arancione contenuto in molte varietà di frutta e verdura) oltre ad un quantitativo di alghe brune di un genere però non specificato.

      Non esisti a contattarmi se avesse ulteriori dubbi, la ringrazio e la saluto cordialmente.

      Marion Polo
      Team INNOVET
      Customer Service

Comments are closed.

Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy